In partenza per gli Esercizi Spirituali…

24 gennaio 2014

esercizi-maturandiIn questi giorni un gruppo di ragazzi degli ultimi anni dei nostri licei si sta preparando a uno dei momenti salienti del percorso tracciato all’interno della scuola e che s’intreccia a filo doppio con il Metodo Ignaziano.

In 12, il 25 gennaio andranno a Roma presso la Casa Generalizia dei Padri Passionisti per partecipare agli Esercizi Spirituali che proseguiranno fino al 28, in comune con tutti gli altri collegi italiani. Sotto la guida di Padre Zanetti gli studenti si avvicineranno a questo metodo teorico-pratico incentrato sulla riflessione, sulla rielaborazione dell’esperienza spirituale, sulla preghiera e sul rispetto della regola del silenzio.

Le motivazioni che spingono gli studenti – i quali hanno già partecipato in precedenza al Kairos – verso questo ulteriore traguardo sono diverse e molto articolate. “Prendere alcuni giorni di distacco dalla quotidianità per riflettere sui cambiamenti avvenuti in questi mesi nella mia vita” afferma Eleonora Viale della Terza Classico. Mentre Matteo Andreose della Quinta Scientifico aggiunge: “E’ il completamento di un cammino intrapreso col Kairos che mi servirà a scavare più a fondo dentro me stesso, per imparare a focalizzare i miei obiettivi e formare il mio carattere”. E ancora Riccardo Riva della Quinta Scientifico: “Sono curioso di affrontare questo nuovo passo. Mi auguro che serva a uscire dalla terra di mezzo del mio percorso di fede per passare da una visione semplicistica, tipica di quando ero più piccolo, a un approccio più maturo e completo”. Fermarsi un istante, guardarsi dentro e proiettare se stessi in avanti sono alcune delle emergenze interiori più sentite tra chi si sta avviando a chiudere un tratto fondamentale della propria parabola scolastica. La crescita umana e Il senso delle responsabilità che si stanno affacciando per il futuro si percepiscono bene dalle parole di Tommaso Gandolfo della Terza Classico: “fino a questo punto sono sempre stato accompagnato nelle mie scelte dai miei familiari, dai miei professori o dagli amici fidati, ma adesso dovrò imparare a scegliere e a prendere le decisioni giuste da solo”. Infine Elia Colombotto della Quinta Scientifico: ”Per me in questa ricerca non c’è solo la fede, ma l’approdo a un modo più efficace per la costruzione della propria personalità”.

20140116_130444

Bacheca Download