La tutoria

La cura personalis, cioè l’attenzione alla singola persona, consiste nell’accompagnare individualmente l’alunno nel suo percorso educativo e didattico, motivandolo e incoraggiandolo nell’apprendimento, avviandolo alla conoscenza di sé e conducendolo gradualmente verso l’autovalutazione.

Lo strumento principale di attuazione della cura personalis è la tutoria individuale, specificamente prevista dalla pedagogia delle Scuole della Compagnia di Gesù. Essa ha come fine di offrire agli alunni la possibilità di dialogo con un adulto (insegnante) su temi non solo scolastici, ma anche di crescita e di orientamento.

Concretamente, ad ogni alunno è affiancato come tutor una figura adulta di docente o educatore, con il compito specifico di seguirlo, attraverso periodici colloqui individuali, nelle eventuali difficoltà di studio o di relazione con insegnanti o compagni, e di orientarlo e responsabilizzarlo nelle scelte scolastiche.

Il tutor è quindi una figura adulta di riferimento, con cui lo studente stabilisce un rapporto personale di fiducia.

Alla tutoria individuale si affianca la tutoria di classe. Essa ha come obiettivo il miglioramento del clima scolastico, sia aiutando gli alunni a individuare le cause che rallentano il percorso didattico, formativo e relazionale, sia nella ricerca delle motivazioni che consentano di affrontare in positivo gli ostacoli per facilitarne il superamento. Oltre a tale obiettivo generale sono previsti obiettivi più specifici su tematiche individuate per classi parallele.

Lo svolgimento della tutoria di classe è affidato per ogni classe a un insegnante della medesima, talvolta in compresenza con un collega; l’insegnante si tiene in costante collegamento con i colleghi per informarli sull’attività svolta ed essere informato circa l’evoluzione della situazione della classe.