Tutoria e orientamento

Punto qualificante e chiave della nostra proposta educativa sono le figure professionali di riferimento personali per gli studenti, scelte e formate specificatamente, secondo la pratica della Tutoria, consolidata in tutti gli istituti della Compagnia di Gesù nel mondo. I tutor, prendendosi cura di ogni singolo allievo, lo accompagnano nelle attività scolastiche e formative, nello sviluppo di dinamiche relazionali e personali, al fine di acquisire la consapevolezza delle proprie attitudini e delle proprie potenzialità.

Ogni studente potrà così fare con noi la meravigliosa esperienza dell’accoglienza e della cura personale (cura personalis) dei propri  talenti grazie a docenti, educatori e tutor. Sarà loro compito guidarlo nel suo percorso di crescita personale verso l’orientamento universitario e professionale cioè verso la scelta dell’uomo che vorrà essere per fare il mondo migliore.

Il taglio dell’orientamento viene sottolineato da progetti specifici che vogliono mettere a fuoco il tema della scelta e da stage presso realtà professionali o aziendali gestite da ex-alunni dell’Istituto. Esso è portato avanti da docenti, animatori spirituali, professionisti esterni e supporta la formazione della persona e la costruzione dell’identità delle ragazze e dei ragazzi dell’Istituto. Attraverso l’esplorazione delle attitudini, delle motivazioni, dei desideri si aiuta a raggiungere la consapevolezza di essere donne e uomini “per e con gli altri”.

 

La tutoria ai Licei del Sociale in sintesi

Alcune parole chiave:

–      Accogliere

–      Accompagnare

–      Creare consapevolezza (riflessione)

–      Allenare

–      Orientare

 

Cosa significa essere un TUTOR:

  • E’ una posizione etica-interiore-spirituale da parte del docente (di ogni docente à per creare un clima tutoriale), un’attenzione a molteplici aspetti della vita dell’allievo
  • Può riguardare le aree dell’apprendimento, della formazione e dell’affettività e si traduce sempre nell’attenzione personalizzata (cura personalis)

 

Caratteristiche della tutoria ai Licei del Sociale:

  • Tutoria individuale (1 insegnante tutor/classe) con almeno 3 colloqui/anno con gli allievi
  • Tutoria di classe
  • Gli insegnanti tutor svolgono periodicamente seminari di formazione per svolgere al meglio questo delicato compito

 

Compito del tutor è quello di adattarsi alle specifiche caratteristiche del suo interlocutore e seguirlo nel suo percorso di crescita sviluppando e potenziando le capacità dell’allievo consentendogli di orientarsi con consapevolezza nel difficile mondo delle scelte. Per giungere a tali obiettivi si fa ricorso a diverse metodologie tra cui colloqui guidati, colloqui liberi, strategia della domanda e riflessioni scritte.

Nei disegni sottostanti è simpaticamente rappresentata la caratteristica fondamentale del tutor ignaziano, una guida per l’allievo che non determina la strada da percorrere, ma è aperto all’ascolto ed alla valorizzazione dei talenti personali di ciascun allievo che, come una pianta di arachide, può dare frutto nei luoghi più inattesi ed apparentemente non visibili.

 

Immagine1

 

 

                Immagine2       

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutor “comune”                                       Tutor “ignaziano”

 

 

Il percorso della Tutoria ai Licei del Sociale

Di seguito sono riportati per punti i principali obiettivi della tutoria individuale e di classe divisi per anno elaborati e condivisi dal team di docenti tutor:

  • Primo anno
    • Agevolare il passaggio da secondaria primo grado a secondaria di secondo grado
    • Ottimizzare il metodo di studio
    • Favorire la socializzazione
  • Secondo anno
    • Creare consapevolezza del percorso compiuto
    • Personalizzare il metodo di studio
    • Analizzare le relazioni interpersonali instaurate
    • Orientare  per la scelta delle materie opzionali del triennio
  • Terzo anno
    • Agevolare il passaggio tra il biennio e il triennio
    • Aiutare l’acquisizione del metodo di studio proprio del triennio, in particolare relativamente alle materie nuove
    • Prendersi cura delle relazioni interpersonali
  • Quarto anno
    • Pianificare il lavoro individuale
    • Analizzare i desideri e allenare la capacità di discernernimento
    • Creare consapevolezza dei talenti personali
    • Prendersi cura delle relazioni interpersonali
  • Quinto anno
    • Riflettere sul percorso compiuto
    • Orientare verso il nuovo percorso da intraprendere (università)
    • Potenziare i rapporti interpersonali
    • Accompagnare verso l’acquisizione di un atteggiamento maturo e responsabile nei confronti della vita