Formazione umana e spirituale

11401029_10206796770699276_2811038371116330264_n

Nella proposta educativa ampio spazio ha l’attenzione alla dimensione spirituale dell’alunno che si pone come finalità una comprensione della vita in una prospettiva evangelica integrata con la dimensione umana. In un contesto in cui la fede sembra emarginata dalla vita reale l’intento è, sia attraverso il percorso curriculare sia mediante attività extracurriculari, di proporre ai ragazzi una lettura del proprio vissuto in termini di speranza cristiana al fine di cogliere in profondità il senso della vita.

In concreto ciò si realizza attraverso: due ore di religione settimanali secondo i programmi ministeriali, l’opportunità della preghiera mattutina insieme (tenuta dal p. Piero Granzino), celebrazioni eucaristiche sia di classe sia di plesso, alcuni ritiri spirituali, progetti interdisciplinari per esempio di arte e spiritualità e di letteratura e religione. Nel plesso delle medie opera un padre gesuiti p. Mauro, insieme ad una religiosa suor Carla.

Da quattro anni, per il ritiro di Quaresima, viene proposta l’esperienza di vivere una giornata di condivisione con tutti i docenti e gli studenti della scuola secondaria di I grado. La giornata si struttura come un pellegrinaggio fisico e spirituale, nel quale i ragazzi vengono accompagnati nella riflessione su alcune esperienze significative del loro percorso di crescita. Il ritiro diventa così l’occasione per un’attenta riflessione sul tema dell’uomo pellegrino in viaggio alla ricerca di sé e dell’Altro.

Nel 2015 il ritiro si è tenuto a Colle Don Bosco; nel 2016 è stato l’occasione per “varcare la porta Santa” del Cottolengo, al termine di un breve pellegrinaggio che ha portato gli studenti ad attraversare la città di Torino per giungere dal Sociale alla Piccola Casa della Divina Provvidenza; nel 2017 il pellegrinaggio è stato di nuovo occasione per un’esperienza di conoscenza e confronto con la città di Torino ed in particolare con le figure di due “Santi sociali” come Don Murialdo e Piergiorgio Frassati, quest’ultimo alunno del nostro Istituto.

IMG_0236

Liberamente è possibile partecipare anche a gruppi di riflessione ignaziana nel pomeriggio animati da ex alunni responsabili e coordinati da suor Carla (MEG), mentre alla fine dell’anno sono proposte esperienze di vita comunitaria in montagna sottoforma di soggiorno formativo residenziale o di trekking.