Cineforum Istituto Sociale 2015/16

19 Ottobre 2015

Da Torino al mondo
Al via la 66^ stagione del Cineforum dell’Istituto Sociale

Che senso ha – nell’epoca della multi e crossmedialità, del 3D, del downloading legale e illegale, del cinema on demand, della fruizione solitaria su schermi di computer e smartphone, di palinsesti televisivi satellitari e digitali sempre più ricchi e personalizzati – proiettare, vedere insieme (in una sala piccola, e senza particolare comfort né appeal), discutere e commentare una serie di film usciti nelle sale e visti ai festival nella scorsa stagione?

Significa, forse, credere al cinema come veicolo prezioso e affascinante di visioni, storie ed emozioni. È questo il cinema in cui noi del Cineforum del Sociale crediamo e investiamo tempo e idee. È questa il cinema che ci piace e che ci vogliamo proporre: un cinema di idee, originale, profondo, stilisticamente elevato, provocatorio, raffinato, ispirato, scritto e girato con perizia, e con un vero punto di vista.

Contro il bombardamento sempre più massiccio e indifferenziato di immagini in movimento, contro l’invasione di film senza cinema e di audiovisivi senz’anima, a noi piace fare resistenza attiva, proteggendo il cinema più piccolo e autoriale, promuovendo i film più rigorosi, quelli che rischiano l’invisibilità a causa di logiche meramente economiche e di una distribuzione sempre più contingentata.

Ecco perché vi presentiamo una stagione ancora più stimolante e originale del solito. Siamo infatti persuasi che per tutti gli altri film le occasioni di visibilità e di fruizione non manchino. Certe opere e certe scommesse hanno invece bisogno di essere sostenute e diffuse attraverso canali alternativi e programmi ad hoc. Proprio come quello del CIS.

Il programma

Il programma del 66° pone lo sguardo su alcune delle tematiche, che più, in questi tempi, fanno discutere la nostra società.

Si comincerà, giovedì 19 novembre, con una serata speciale, dedicata, come è ormai consuetudine consolidata, al cinema del nostro territorio, la qual cosa ci consentirà fare la conoscenza di due registi di casa nostra,  Sergio Fergnachino e Mario Cristina Cappennani, autori di Vicino alla mia pelle, un’opera che affronta il tema dell’autismo.

Il nostro “sguardo” si sposterà poi sulle tematiche della famiglia, con quattro film che ci consentiranno di esaminarla in alcune delle più importanti sue diverse sfaccettature.

Seguirà un breve viaggio in Europa, con alcune delle ultime opere delle cinematografie belga, svedese ed italiana, che, anche attraverso nuove strade espressive, rappresentano umori, sentimenti, valori e testimoniano le fatiche, le ingiustizie, i drammi e le ansie di tante comunità.

Dopo breve parentesi nella quale vedremo il diverso modo con cui una persona affronta e reagisce alla propria condizione di malato, il nostro programma affronterà quello che, oggi, è forse è il tema più controverso e più discusso nella società non solo italiana, ma anche europea: i drammi delle popolazioni del terzo e quarto mondo.

Infine, essendo iniziate quest’anno le celebrazioni del centenario della prima guerra mondiale, abbiamo pensato di concludere la stagione del nostro cineforum con tre film, che affrontano, da angolature diverse, il dramma e le conseguenze della guerra in generale ed  della guerra del 1915/1918 in particolare.

Anche quest’anno, grazie anche alla collaborazione con l’Associazione Museo Nazionale del Cinema, Piemonte Movie e la Torino Piemonte Film Commission, non mancheranno incontri con autori, film maker e critici, scoperte e conferme, omaggi e curiosità. Senza dimenticare il dibattito a fine proiezione, vera e propria caratteristica distintiva del nostro Cineforum, da 66 anni a questa parte!

Come sempre, il menu offerto dal CIS – che comincia il prossimo giovedì 19 novembre  presso l’Istituto Sociale (Corso Siracusa 10, Torino – tel. 011.357835) – è quanto mai variegato e stimolante.

Nonostante la crisi, il taglio del budget e delle spese operative e l‘aumento dei prezzi di noleggio dei dvd, abbiamo tenuto fermo il costo dell’abbonamento all’intera stagione (ben 17 serate): 60 euro. Sono rimaste invariate le agevolazioni (50 euro) per: Soci dell’Associazione Ex Alunni dell’Istituto Sociale, docenti e personale dell’Istituto, over 60, soci dell’’Associazione Educare Insieme, Soci dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema, Soci A.G.E.S.C.

Per i liceali (maggiorenni) e gli studenti universitari l’abbonamento costa la metà: 30 euro: si tratta di una promozione unica e particolarmente vantaggiosa, mirata a facilitare l’accesso alle proiezioni del CIS a un pubblico più giovane e a far conoscere il CIS alle nuove generazioni.

Il supporto sarà anche quest’anno il DVD, diffuso attraverso un proiettore ad hoc, dotazione della sala di proiezione dell’Istituto.

freccia_rossa  Il CARTELLONE della stagione 2015/16

Bacheca Download