Ritiri prime liceo

31 Maggio 2016

Quest’anno con le prime classi del Liceo abbiamo esperimentato il cammino insieme per raggiungere la Sacra di S. Michele. Un luogo famoso, ma non così conosciuto dai nostri alunni. La storia e l’arte ci hanno aiutato a trovare anche un momento di preghiera con l’aiuto del P. Granzino che ha celebrato la Messa lungo la mulattiera che da S. Ambrogio conduce all’abbazia. Il 16 maggio con la 1° scientifico e classico e il 30 maggio con la 1° sportivo, superando tutte le titubanze dovute alle previsione meteo più variabili che mai, abbiamo percorso i circa 500 m. di dislivello che separano il fondo valle dalla cima del M. Pirchiriano. I due gruppi hanno avuto l’opportunità di conoscere meglio le vicende storiche e leggendarie di un luogo molto suggestivo, ma anche di toccare con mano come l’ambiente può favorire l’apertura del nostro animo a pensieri e atteggiamenti più disponibili verso l’ascolto di Dio e degli altri. E’ stato un momento di amicizia e di condivisione che ha permesso una relazione più semplice e vera. La via dei Pellegrini verso Gerusalemme lungo le tappe dei santuari dedicati all’arcangelo Michele, la leggenda della Bell’Alda, il santo eremita che costruì la terza chiesa con l’aiuto degli angeli, Ugo di Montboissier…lo scalone dei morti, il portale dello zodiaco…tante immagini e racconti che per una giornata hanno preso significato attraverso le parole delle guide. La discesa sulle pietre scivolose dell’antica mulattiera, costruita in questo modo per consentire alle  “lese” cariche di materiale di scorrere meglio lungo il pendio, ma un po’ insidiosa per le suole delle nostre calzature, ci ha portato al paese per concludere la nostra giornata insieme con un buon gelato!

DSCN6241

 

DSCN6242  DSCN6246  DSCN6249
DSCN6251
DSCN6252
DSCN6254
DSCN6255
DSCN6256
DSCN6259
DSCN6260
DSCN6261
DSCN6262
DSCN6263
DSCN6266
DSCN6268
DSCN6219
DSCN6220
DSCN6222
DSCN6223
DSCN6225
DSCN6227
DSCN6228
DSCN6229
DSCN6230
DSCN6235
DSCN6236
DSCN6239

Marco Frola

31 Maggio 2016

cap_soc_banner_615x100_white

2016_17_frolaCapitale Sociale #17-2016 – Marco Frola, maturità scientifica 1979. Dopo la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Torino, ha maturato circa 25 anni di esperienza presso l’area sinistri della SAI Assicurazioni (poi Fondiaria-SAI), dove è stato dirigente per circa 12 anni e responsabile di vari uffici. Da alcuni anni ha lasciato il gruppo per assumere l’incarico di Direttore Sinistri di MSA-Multiserass, società leader in Italia nell’outsourcing sinistri.

 

1. Qual e’ l’elemento che hai trovato negli anni della formazione al Sociale che più ti ha aiutato a diventare  la persona che sei oggi?

I 13 anni all’Istituto Sociale hanno rappresentato per me molto di più del mero ciclo scolastico che, peraltro, mi ha permesso anche di affrontare senza particolari patemi gli anni successivi. E’ stata veramente parte sostanziale della mia vita, dall’infanzia alla giovinezza e poi ancora dopo, negli anni della CVX, all’Università ed oltre. La formazione cristiana e i valori che mi sono stati insegnati sono un patrimonio formidabile che mi ha permesso di affrontare i momenti più difficili della vita con serenità e forza.

 2. Oggi, nel POF del Sociale si esplicitano i  concetti  ignaziani come “magis”, “cura personalis”, attenzione al singolo… Ai tuoi tempi, ancorché  non venissero dichiarati, credi fossero vissuti e trasmessi? Se si come?

Certamente anche ai miei tempi i valori e i concetti alla base della vita ignaziana ci venivano trasmessi, forse con meno parole ma più con l’esempio di vita. Si era parte di una comunità dove la presenza dei Padri era costante e quotidiana, con loro si vivevano anche i momenti di divertimento e di crescita insieme, nei soggiorni in montagna come nei ritiri spirituali.

3. Qual e’ stata la qualità dell’offerta accademica/scolastica del liceo del Sociale? In che modo ti è servita all’università prima e nella professione poi?

Forse solo negli anni successivi ho compreso appieno il valore profondo della qualità scolastica che ho ricevuto, pur con tutti i limiti che si incontravano, di professori più o meno validi, ma la continuità e la profondità dell’educazione ricevuta mi hanno dato sicurezza e facilità nell’affrontare gli anni successivi. La cosa si è poi riproposta per mia figlia Federica, anche lei per 13 anni al Sociale, anche lei cresciuta e maturata profondamente con l’aiuto degli educatori incontrati.

4. Qual e’ l’aneddoto del periodo trascorso al Sociale che ti accompagna ancora oggi? Ce lo racconti?
Gli episodi e gli aneddoti che si ripropongono nella mia mente sono centinaia, ne voglio citare uno qui: poiché al Sociale oltre che studiare e crescere ci siamo anche divertiti, creando amicizie e legami che, in molti casi, ancora a quasi 40 anni dalla maturità resistono, ricordo nelle giornate di neve (allora più frequenti di oggi) le battaglie a palle di neve nell’intervallo e qualche volta anche durante le ore di lezione. Ovviamente non dirò con quale professore né in quale anno scolastico.

 

freccia_rossa LEGGI GLI ALTRI INTERVENTI

Licei – uscita lunedì 6 giugno 2016 – 2^ e 3^ liceo sportivo

30 Maggio 2016

Si comunica che il giorno LUNEDÌ 06/06/2016 le classi saranno impegnate, per le prime quattro ore, presso il campo da BASEBALL situato in via Passo Buole 96 (TO).
Il ritrovo è fissato davanti all’ingresso principale del campo alle ore 08,15.
Il rientro a scuola, previsto per le ore 11,50 , avverrà utilizzando i mezzi pubblici, si prega pertanto di munirsi di regolare biglietto.
Le ultime due ore di scuola seguiranno la normale programmazione.
Ricordo che si tratterà di regolare attività didattica per cui ritardi ed assenze dovranno essere giustificati come di consueto.

Un cordiale saluto

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Licei – Uscita didattica VENERDÌ 3 GIUGNO 2016 classe 5 Liceo Classico

30 Maggio 2016

Con la presente vi informiamo che VENERDÌ 3 GIUGNO la normale mattinata di lezione verrà sostituita da un’uscita didattica organizzata dalla docente di Storia dell’Arte, prof.ssa Alessandra Sponza, in accordo con il Consiglio di Classe.

L’attività, SAT – STREET ART TOUR, si inserisce in un progetto di valorizzazione dell’arte urbana della nostra città.

Per maggiori informazioni:

–          http://www.ilcerchioelegocce.com/street-art-tourino/

–          www.facebook.com/streetartourtorino)

_____________________________________________________________________________________

PROGRAMMA DELLA MATTINATA

 

Ore 8.15          ritrovo in classe e briefing con l’insegnante

–          partenza da scuola con mezzi pubblici (per chi non possiede l’abbonamento GTT arrivare muniti di 2 biglietti di viaggio)

Ore 9.30          appuntamento in piazza Crispi per inizio del tour

–          l’itinerario si snoderà tra Borgata Tesso e Parco Dora (si consigliano scarpe comode e abbigliamento sportivo poiché il tour è A PIEDI)

–          a Parco Dora WORKSHOP con Mrfjodor, (http://www.mrfijodor.it/) e realizzazione di un MURALES con SPRAY

Fijodor Benzo, 34 enne imperiese tra i principali esponenti della street art in Italia, ha preso parte alla prima puntata del format “Street Art” in programma su Sky Arte e dedicato al mondo dei writers” (http://arte.sky.it/2012/10/street-art-targata-sky-arte-hd/)

ore 13.45         fine attività e rientro autonomo con mezzi propri

QUOTA INDIVIDUALE 13.00 € (da consegnare alla docente entro Lunedì 30 Maggio

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Il saluto del Preside ai Maturandi 2016

29 Maggio 2016

Torino, 22 maggio 2016
Festa di fine anno scolastico

Buon giorno ragazze, buon giorno ragazzi; buon giorno  a tutti i vostri familiari.

Affido il mio breve saluto ad alcune note che Vi invierò nei prossimi  giorni in ricordo di questo momento di festa dell’Istituto, a conclusione  del corrente anno scolastico e per voi del vostro percorso di studi e di formazione al Sociale .

La cerimonia del saluto ai maturandi è sempre un momento importante e particolarmente coinvolgente anche  per chi, come me, ha già vissute tante volte  questa esperienza (al Sociale è la terza volta) ma ….ogni volta provo nuove  emozioni:  si tratta sempre di classi quinte, sono le classi che terminano un percorso, ma cambiano gli allievi e ogni gruppo classe ha la sua storia, il suo iter di insegnamento/ apprendimento, i suoi alti  e bassi, gli eventuali incidenti di percorso,  il suo processo di crescita, la sua identità.

E allora  per  me come Preside, al  momento del saluto, nello stringervi la mano e nel guardare il  volto di ciascuno di voi, rivedo come….. in un flashback momenti di vita quotidiana  a scuola, eventi vissuti insieme a voi e ai vostri docenti; ricordo come frammenti, quasi…dei   fotogrammi,quei momenti di incontro  che si sono impressi nella mia memoria e che mi permettono di riconoscervi tra le molte classi, i molti studenti conosciuti negli anni e accompagnati all’esame di Stato.

Personalmente vi ho conosciuto tre anni fa quando avete iniziato il triennio conclusivo del percorso liceale: pian piano ci siamo conosciuti, abbiamo iniziato a interagire, a esaminare le vostre richieste individuali e/o di gruppo classe, a trovare insieme  soluzioni ai vari problemi che via via si sono posti alle nostre attenzioni, con il contributo dei vostri docenti, dei vostri famigliari, dei Padri Gesuiti presenti in Istituto.

In particolare di voi ricorderò come  caratteristiche peculiari la disponibilità ad accogliere i vostri compagni che si sono inseriti durante gli anni del liceo e che grazie a questa disponibilità avete permesso loro di integrarsi nelle due classi.

Penso ai ragazzi dell’Accademia di Rugby al terzo e quarto  anno, mi ricordo dell’accoglienza ai ragazzi del Faa’ di Bruno, dell’inserimento di altri vostri compagni e compagne durante il secondo biennio e anche nell’ultimo anno.

Accanto alla disponibilità accertata , ma solo  per  fatti contingenti, nella attuale quinta scientifico, ricorderò come altra caratteristica peculiare la ricchezza delle

Iniziative proposte dagli allievi della attuale quinta classico ( senza dimenticare l’apporto dei loro compagni della 5^ scientifico)  che hanno saputo coinvolgere gli alunni  delle varie classi del Sociale nelle azioni di coordinamento delle varie iniziative , nella progettazione e gestione dei laboratori di interesse, nella redazione del giornale di Istituto, nelle manifestazioni di solidarietà (Progetto Effatà) organizzando serate a scopo benefico e partecipando ai campi estivi in Romania, dimostrando non solo  di aver condiviso ma  fatto proprio il valore base della pedagogia ignaziana : essere uomini e donne con e per gli altri.

Questi aspetti, insieme al vostro impegno nello studio e nella  partecipazione responsabile ai processi di insegnamento/apprendimento, testimoniano la vostra crescita individuale  e personale, e anche come gruppo, che vi aiuteranno nel prosieguo dei vostri studi in ambito universitario e soprattutto nel percorso futuro della vostra vita che,  auguro a tutti e a ciascuno di voi, possa  essere serena e ricca di quei valori che avete saputo “ agire” con coerenza durante questi anni al Sociale.

Il mio breve   saluto si conclude con un ringraziamento per le vostre testimonianze e con la  raccomandazione che Papa Francesco è solito ripetere a tutti:

“Gesù parla un linguaggio di servizio, di umiliazione, anzi lui dice: Io  non sono venuto per farmi servire , per essere servito, ma per servire”

Che questo sia lo stile che vi possa contraddistinguere sempre!

E  ricordando che  al Sociale è in atto da più di trent’anni la tradizione della Santa Messa per i maturandi e per le loro famiglie presso la Chiesa della Consolata: anche quest’anno vogliamo mantenere questa bella tradizione  e ci troveremo tutti: allievi, famigliari, docenti  il giorno 31 maggio per pregare insieme e per invocare la protezione della Madonna  per il vostro e per il nostro futuro.

Buona vita ragazze e ragazzi e …..affrontate sereni e con responsabilità  le sfide che la vita riserva.

Il vostro Preside  saluta tutti e ciascuno di voi maturandi  con un abbraccio.

Piero Cattaneo

Licei – Calendario degli scrutini di fine anno

27 Maggio 2016

GIORNO

SCRUTINIO CLASSE

ORA

GIUGNO 2016

   

6

5^ scientifico

 

14.30-17.00

7

5 classico 14.30-17.00

8

1^ scientifico/1° classico

1° liceo sportivo

14.30-16.30

16.30-18.30

9

3 ^ scientifico A

3^ scientifico B

 

14.30-16.30

16.30-18.30

10

2^ scientifico/2^ classico

2^ liceo sportivo

4^ scientifico

3^ classico

4^ classico

08.00-10.00

10.00-12.00

14.00-15.30

15.30-1700

17.00-18.30

 

 

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Licei – Serata eccellenze

27 Maggio 2016

Gentili Signori, Cari ragazzi,

desidero invitarvi alla

“Serata di premiazione delle eccellenze”

   Martedì, 31 maggio alle ore 20.45

in Aula magna

 il tradizionale appuntamento che caratterizza il termine dell’anno scolastico e che intende riconoscere, a livello dell’intera Comunità del Sociale, i risultati conseguiti dagli allievi dei licei  e le esperienze più significative da loro vissute. Quest’anno c’è una bella novità nella prospettiva della continuità tra i vari livelli scolastici:  il Progetto Effatà è stato infatti  realizzato dagli allievi di tutto l’Istituto, e ogni plesso ha contribuito alla promozione e allo sviluppo dei valori del Progetto ( solidarietà, cooperazione, internazionalità) secondo formule e modalità creative  e innovative che hanno arricchito le esperienze educative e didattiche degli allievi.

Alla serata delle eccellenze degli allievi liceali sono invitati i ragazzi e le  ragazze, con le rispettive  famiglie,  delle classi  seconde e terze medie perché sarà effettuata anche   la premiazione dei vincitori del  Progetto LIGHTS of  ART, promosso in coerenza con le finalità del Progetto Effatà.

Durante la serata  verranno presentati i progetti che hanno  caratterizzano in modo specifico l’attività didattica e formativa dei licei  e quelle realizzate  in continuità con la scuola secondaria di 1° grado. Saranno premiati e menzionati gli studenti che si sono distinti nell’impegno scolastico, in concorsi accademici, nelle attività extrascolastiche in ambito sportivo, musicale e  in quello sociale con iniziative di volontariato.

 

E’ una serata che aiuta a concretizzare il significato  della parola magis, uno degli elementi fondanti della pedagogia e della spiritualità di San Ignazio di Loyola:  imparare a mettere se stessi, i propri talenti, le proprie capacità, i propri desideri al servizio degli altri e del mondo per fare il mondo più umano e più giusto, con la consapevolezza che è necessario rischiare e mettere in gioco tutti i talenti che abbiamo.

 

A tal proposito penso che non ci possano essere parole migliori di quelle di Papa Francesco citando proprio la parabola dei talenti. “In questo tempo di crisi è importante non chiudersi in se stessi, sotterrando il proprio talento, le proprie ricchezze spirituali, intellettuali, materiali, tutto quello che il Signore ci ha dato, ma aprirsi, essere solidali, essere attenti all’altro.

Scommettete su ideali grandi, quegli ideali che allargano il cuore, quegli ideali di servizio che renderanno fecondi i vostri talenti. La vita non ci è data perché la conserviamo gelosamente per noi stessi, ma ci è data perché la doniamo”. […]

 

Sperando di vedervi numerosi, vi ringrazio e vi saluto cordialmente

 

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Licei – messa maturandi

27 Maggio 2016

Cari  genitori,

come vi è già stato anticipato domenica in occasione del saluto  ai maturandi, desidero ricordarvi che

 

martedì, 31 maggio alle ore 18

alla Consolata

 

sarà celebrata da P. Denora,  P.Gianuzzi e P.Granzino la Messa per i vostri figli e per Voi.

Durante  la funzione religiosa tutti i ragazzi e le loro famiglie saranno affidati alla protezione della  Madonna.

E’ una bella e toccante tradizione dell’Istituto  che desideriamo continuare a tenere viva.

Spero di vedervi numerosi.

 

Cordialmente

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Un saluto ai Colibrì diplomati

27 Maggio 2016

E così anche quest’anno abbiamo voluto salutare gli alunni che lasciano la scuola dell’Infanzia per passare alla Primaria.

IMG_2053

Ogni volta che termina un ciclo scolastico e si devono salutare i bambini, che hanno trascorso con noi i loro primi anni di vita, è un momento molto emozionante. Non ci si abitua mai!

Si sono intessute relazioni cariche di affettività, di fiducia e di collaborazione.

Per la “Festa di fine anno” si cerca di fare qualcosa di speciale, un regalo simbolico, che i bambini negli anni possano ritrovare tra i “ricordi” che i genitori hanno conservato per loro.

Quest’anno le Maestre hanno pensato di realizzare dei piccoli sacchettini di pout-pourri con petali di fiori secchi e erbe officinali intrisi di oli essenziali che conservassero il profumo del “Giardino dei Colibrì”.

potpourri

Ad ogni sacchettino le Maestre hanno legato un pensiero dei bambini con il loro più bel  ricordo trascorso a scuola.

Dopo essere saliti sul palco, i bambini hanno “lasciato” il loro grembiulino pronti a ricevere il “tocco” e il “diplomino”.

 

 

 

“Te lo dico in pittura”

27 Maggio 2016

C’era agitazione nell’aria in questi giorni.

Si avvicinava un momento speciale per i bambini che terminano la Scuola dell’ Infanzia.

Si è montato il palcoscenico allestendo un fondale ricco di particolari e in tema con quanto proposto dalla Scuola: il “Laudato sì”

IMG_2110

 

 

 

IMG_2050

Un arcobaleno per simboleggiare il patto di amicizia tra Dio e l’uomo e San Francesco d’Assisi, che ha tradotto la gioia nel godere di ogni cosa attorno a lui in una preghiera cantata al Signore per ringraziarlo delle meraviglie donateci.

In questo anno scolastico si sono sviluppati diversi laboratori inerenti i quattro elementi: acqua, aria, terra e fuoco,  sensibilizzando i bambini all’attenzione dell’altro e al rispetto dell’ambiente. Tutti questi laboratori sono stati raggruppati ed esposti in due mostre fotografiche: “Osservare e costruire il mondo” e “Te lo dico in pittura” sviluppate nei corridoi del Giardino dei Colibrì.

IMG_2063

 

IMG_2107

Le opere sono state selezionate tenendo conto di ciascun bambino, valorizzando il percorso individuale  attraverso l’esposizione collettiva.

La mostra dei laboratori, ancora aperta ai visitatori, condotta con la procedura della “lesson plan” evidenzia il valore del metodo Ignaziano.

Ecco alcuni lavori

  IMG_2088 IMG_2077   IMG_2066

 

 

Pagina successiva »

Bacheca Download