22 maggio: festa di fine anno

24 Maggio 2016

Si è conclusa anche quest’anno la festa di fine anno scolastico, un’occasione per studenti, insegnanti e genitori per ritrovarsi insieme a festeggiare come parte della grande comunità dell’Istituto. Domenica 22 maggio è infatti stata  una giornata particolarmente intensa per la nostra Scuola, in cui il Sociale ha mostrato il suo aspetto più umano, festoso e conviviale, condividendo il suo progetto e le sue linee educative con le famiglie: un progetto forte e chiaro per i bambini, i ragazzi, i giovani di oggi,  un’alleanza educativa per poter guardare insieme al futuro con fiducia e speranza.

Questa festa è stata una festa di tutti e tutti ne sono partecipi e protagonisti. E’ sempre commovente salutare  e ricevere il saluto dai ragazzi che terminano un ciclo di studi per passare a un altro o per iniziare l’università.

La formula della festa è ormai “standard” e collaudata. Al mattino ci sono stati i momenti di saluto e premiazione di tutti i bambini e ragazzi che terminano un ciclo di studi, dai più piccoli della Scuola dell’Infanzia che passano alla Primaria, ai più grandi del Liceo che a breve lasceranno il nostro Istituto per approdare a mete ancora più impegnative della loro vita.

Nel frattempo, per chi non era coinvolto in queste premiazioni, sono stati previsti intrattenimenti differenziati per età. Tra le iniziative vi sono state soprattutto attività sportive (incontri di pallavolo, pallacanestro, calcetto, scherma, prove di attività subacquee ecc.) per tutti, guidati dai docenti di Educazione Fisica.

Quest’anno, poi, alla tradizionale presentazione delle attività missionarie supportate dal Sociale, si è voluto riservare uno spazio speciale al progetto Effatà, un progetto didattico missionario che ha accompagnato tutti i nostri cicli scolastici lungo tutto l’anno scolastico, a sostegno delle attività in Romania, Perù e Kenia.

Alla Scuola dell’Infanzia è stata allestita la mostra “Osservare e costruire il mondo”, con una ricca esposizione dei laboratori di ogni sezione e la mostra “Te lo dico in pittura” con i lavori nati tra arte e narrazione attraverso l’ascolto e la ricostruzione di storie. Inoltre, nell’orto del “Giardino dei Colibrì”, dove germogliano le piantine primaverili, un bello spaventapasseri osservava con aria curiosa i piccoli che giocavano, diventando presto la “mascotte” della festa.

Per la Scuola secondaria di primo grado si è potuto ammirare la mostra legata al concorso di arte contemporanea, che rappresenta la conclusione di un intero “anno dell’arte”, dedicato ad iniziative e progetti legati allo sviluppo della sensibilità e della cultura artistico/tecnologica dei ragazzi.

Alle ore 12.15, in Aula Magna, la celebrazione della Santa Messa, nella festa della SS. Trinità, ha concluso la mattinata. Alla Mensa Eucaristica è poi seguita, per chi lo desiderava, quella dell’amicizia e della fraternità.

Nel pomeriggio, per la Scuola Primaria si è potuto assistere al film che ha presentato alcune tappe del percorso scolastico svolto da tutte le classi durante l’anno. Si sono svolti inoltre tornei di calcetto per la scuola primaria e per la secondaria di primo grado e una delle semifinali del torneo di calcio dei licei.

Bacheca Download