Riflettere e agire ci aiuta a crescere

20 Novembre 2016

Adesso che il Natale, a piccoli passi, ma sempre meno piccoli, si sta avvicinando, parlare di diritti è un dovere che avvicina cuore e mente.

Crescere significa prendere parte, con il pensiero e con l’azione, a ciò che ha veramente un senso nella vita. Ecco perchè, in occasione della Giornata Universale dei Diritti dei Bambini (20 novembre), la Scuola Primaria dell’Istituto Sociale ha preparato un percorso dedicato alla riflessione, all’introspezione e poi  all’azione con momenti di discernimento e attività rivolti ai diritti. Il 20 novembre è l’anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (UNCRC), approvata nel 1989. L’adozione della convenzione internazionale è stata una pietra miliare per i diritti dei bambini e un cammino di consapevolezza in questo senso non può che accrescere la maturità e la sensibilità dei nostri allievi.

Con questo obiettivo, i docenti delle cinque classi alla seconda (ossia per classi parellele della Scuola Primaria) hanno individuato un diritto specifico e stanno lavorando  affinchè, tra una lezione e l’altra, gli allievi riescano ad andare oltre l’apparenza, ad aprire una finestra sul mondo e a porsi interrogativi per diventare, poi, costruttori di pace e di un mondo migliore.

Dal diritto al nome, alla nutrizione (declinata in cibo e acqua), all’istruzione e all’informazione per imparare ad essere consapevoli di ciò che avviene nel mondo e nelle nostre vite. Gli educatori del Castello di Rivoli, regno indiscusso dell’arte contemporanea, sono entrati nelle aule del Sociale  e, con laboratori personalizzati, hanno aiutato gli allievi ad ideare e costruire  più slogan pubblicitari, attraverso l’antica arte serigrafica.  Il 22 novembre ( martedì), tutte le classi nessuna esclusa, giungeranno ai piedi del Castello e poi marceranno insieme ostentando il loro lavoro pubblicitario ma, soprattutto, riflettendo su ciò che quelle parole significano. All’interno della location di Rivoli proseguiranno poi la loro introspezione attraverso l’azione di tanti laboratori etici.

Gabriella Mancini

20161111_112235 20161111_105509   20161111_103630

Bacheca Download