Premiazione “Il mio sogno 2017”

22 Maggio 2017

Lunedì 22 maggio al Salone Internazionale del Libro di Torino si è tenuta la premiazione della VI edizione del concorso letterario Il mio sogno.

Padre Vitangelo Denora, la giornalista de “La Stampa” Lucia Caretti e lo scrittore Giuseppe Culicchia hanno premiato i 15 finalisti e i vincitori.

Il sogno continua ad essere una delle sfide più appassionanti e impegnative per i ragazzi che si stanno preparando ad affrontare i gradi superiori del percorso scolastico, ossia riuscire  a raccontare qual è il proprio sogno per il futuro e trovare le parole o il linguaggio espressivo più originali per descriverlo.

Proprio il Cardinale Carlo Maria Martini – Ex alunno del Sociale e Arcivescovo di Milano – in un importante intervento sul tempo della crisi diceva: “Lasciateci sognare”.

Tre le grandi novità dell’edizione 2017:  la prima ha riguardato il fatto che il concorso letterario-artistico oltre a rivolgersi a tutti gli alunni delle attuali classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado di Torino e cintura è stato esteso anche a quelle di Milano e cintura. La seconda ha riguardato  il tema del concorso stesso che ha preso  spunto dall’attualità dell’enciclica di Papa Francesco “Laudato si’ ” e dall’urgenza di un cambiamento del nostro rapporto con il Creato. La terza novità è che l’edizione del 2017 ha avuto un padrino d’eccezione: lo scrittore Maurizio De Giovanni  che ha scritto l’incipit del componimento, dal quale gli scrittori in erba hanno sviluppato  il loro scritto e il loro sogno.

Tutti gli scritti finalisti saranno ora raccolti in un volume che sarà presentato nel corso del prossimo anno scolastico sia a Torino sia a Milano.

Appuntamento per la VII edizione che vedrà , come anticipato nel corso della premiazione,  Giuseppe Culicchia dare l’incipit ai nuovi partecipanti.

Padre Denora nel suo intervento ha, ancora una volta, sottolineato come il sogno sia essenziale per dare un senso alla propria vita. Riprendendo le parole di  Papa Francesco e del beato Piergiorgio Frassati, ex-alunno del Sociale,  ha ricordato ai giovani e ai meno giovani presenti alla premiazione i frequenti appelli a sollevare lo sguardo e a credere in grandi ideali e in sogni che fanno spendere la vita per grandi cose.

In particolare in questo tempo di crisi, oggi, è importante non chiudersi in se stessi… ma aprirsi, essere solidali, essere attenti all’altro. A voi giovani, che siete all’inizio del cammino della vita, chiedo: Avete pensato ai talenti che Dio vi ha dato? …  Scommettete su ideali grandi, quegli ideali che allargano il cuore, quegli ideali di servizio che renderanno fecondi i vostri talenti. La vita non ci è data perché la conserviamo gelosamente per noi stessi, ma ci è data perché la doniamo. Cari giovani, abbiate un animo grande! Non abbiate paura di sognare cose grandi!” (Papa Francesco, Udienza generale del 24 aprile 2013)

Sognare cose grandi… ed i giovani se li ascoltiamo e se sappiamo intercettare le loro vite sono capaci di questi sogni. Nel messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù di qualche anno fa, sempre Papa Francesco ha detto: «Oggi si rischia di accontentarsi di poco, di avere un’idea in piccolo della vita. Aspirate invece a cose grandi! Allargate i vostri cuori! Come diceva il beato Piergiorgio Frassati: ‘…Noi non dobbiamo mai vivacchiare, ma vivere».

Questi i vincitori e i finalisti del concorso.

  1. Serra Samir
  2. Schiaffino Lagorio Benedetta ex-aequo con Rivamare Sara
  3. Bogli Beatrice ex-aequo con Parisi Andrea, che vince anche per il miglior disegno
  4. Giuliano Alessandro
  5. Selogna Matilde
  6. Ceraolo Diego (menzione del Presidente della Giuria)
  7. Sasso Giorgia
  8. Cravero Marta
  9. Eugenia Rumi
  10. Tagliapietra Chiara
  11. Vittoria Maria Lidia
  12. Basei Alessio
  13. Livotto aurora 

CONGRATULAZIONI A TUTTI I PARTECIPANTI!

Bacheca Download