Licei – Serata delle eccellenze

22 maggio 2018

Signori, Cari ragazzi,

desidero invitarvi alla

“Serata di premiazione delle eccellenze”

  Lunedì 28 maggio alle ore 20.45 in Teatro

il tradizionale appuntamento che caratterizza il termine dell’anno scolastico e che intende riconoscere, a livello dell’intera Comunità del Sociale, i risultati conseguiti dagli allievi dei licei  e le esperienze più significative da loro vissute. Quest’anno c’è una bella novità che si è aggiunta nella proposta formativa dei Licei: il progetto della scuola campus che prevede al pomeriggio tutta una serie di attività tra cui la Accademie, gli Sportelli di consulenza e i Corsi per le certificazioni delle competenze in inglese che hanno permesso ad alcuni ragazzi di conseguire anche l’Advanced.

Durante la serata  verranno presentati i progetti che hanno  caratterizzano in modo specifico l’attività didattica e formativa dei licei  e quelle realizzate  in continuità con la scuola secondaria di 1° grado. Saranno premiati e menzionati gli studenti che si sono distinti nell’impegno scolastico, in concorsi accademici, nelle attività extrascolastiche in ambito sportivo, musicale e  in quello sociale con iniziative di volontariato.

 

Un ricordo particolare verrà riservato per Ginevra Barra Bajetto, tragicamente scomparsa, che negli anni passati si era evidenziata sempre come eccellenza accademica e sportiva. A lei la famiglia e il Sociale hanno dedicato una borsa di studio per un’atleta del suo stesso sport, il pattinaggio.

 

E’ una serata che aiuta a concretizzare il significato  della parola magis, uno degli elementi fondanti della pedagogia e della spiritualità di San Ignazio di Loyola:  imparare a mettere se stessi, i propri talenti, le proprie capacità, i propri desideri al servizio degli altri e del mondo per fare il mondo più umano e più giusto, con la consapevolezza che è necessario rischiare e mettere in gioco tutti i talenti che abbiamo.

 

A tal proposito penso che non ci possano essere parole migliori di quelle di Papa Francesco citando proprio la parabola dei talenti. “In questo tempo di crisi è importante non chiudersi in se stessi, sotterrando il proprio talento, le proprie ricchezze spirituali, intellettuali, materiali, tutto quello che il Signore ci ha dato, ma aprirsi, essere solidali, essere attenti all’altro.

Scommettete su ideali grandi, quegli ideali che allargano il cuore, quegli ideali di servizio che renderanno fecondi i vostri talenti. La vita non ci è data perché la conserviamo gelosamente per noi stessi, ma ci è data perché la doniamo”. […]

 

Sperando di vedervi numerosi, vi ringrazio e vi saluto cordialmente

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Bacheca Download