Summer Camp al Giardino dei Colibrì

29 Giugno 2018
Quest’anno i cinque anni con del Giardino dei Colibrì hanno partecipato al summer Camp dal 4 al 15 giugno . I bambini insieme alle maestre di madrelingua  Donna e Nathalie hanno approfondito il loro inglese giocando, dipingendo, facendo lavoretti artistici e attività sportive.

Durante il Summer Camp quest’anno si è voluto anche organizzare una gita al Frutto Permesso di  Bibiana dove hanno impastato il pane, fatto il giro della tenuta, visto gli animali della fattoria, osservato come cresce e si raccoglie grano e mangiato molte golosità nel ristorante dell’agriturismo e anche incoronato la giornata cavalcando il simpatico paziente pony.Tutti hanno passato una giornata spensierata scoprendo e imparando molte cose divertendosi. 

 

GIOCARE CON LA MUSICA

29 Giugno 2018

“La musica è la parte principale dell’educazione perché il ritmo e l’armonia sono particolarmente adatte a penetrare l’anima”. Platone

L’insegnamento della musica nell’età dell’infanzia contribuisce allo sviluppo di alcune aree cerebrali e accresce le abilità cognitive-intellettuali (come concentrazione e velocità d’elaborazione). Nei bambini più piccoli si è visto che la pratica musicale stimola l’attitudine alla geometria. Chi si esercita molto con uno strumento, memorizzando pezzi musicali complessi, dispone di strategie sofisticate per la gestione di linguaggi anche non musicali, con evidenti vantaggi a livello cognitivo. In realtà la musica ha un effetto rilassante e stimolante per la mente dei bambini e ha anche un effetto positivo sull’umore e sulla motivazione a svolgere attività che richiedono particolare attenzione, tant’è che oggi viene utilizzata anche come terapia.

Il progetto musicale nella scuola dell’infanzia si propone determinate finalità ad esempio quella di utilizzare appropriati e coinvolgenti metodi pedagogici affinchè tutti i bambini abbiano la possibilità di imparare i rudimenti e le basi della cultura musicale. Bisogna poi educare i bambini all’ascolto, al riconoscimento e alla riproduzione di fenomeni sonori, potenziare le capacità di socializzazione e di cooperazione dei bambini, sperimentare le alternanze suono-silenzio, discriminare le diverse fonti sonore e riconoscere all’ascolto la differenza tra parlare, cantare, suonare. Si accompagneranno poi i bambini a scoprire e sperimentare tutti i suoni che il corpo può produrre anche attraverso il ritmo (che può essere quello del battito cardiaco, il ritmo delle stagioni o il ritmo del giorno e della notte).

Importante ma soprattutto divertente sarà far costruire ai bambini il proprio strumento musicale come per esempio la maracas o la nacchera che potranno poi loro stessi utilizzare per accompagnare delle musiche.

La musica è l’inizio di un percorso che dovrebbe continuare per tutta la vita, che non vuole solo avviare il bambino al grande universo musicale, bensì contribuire con efficacia alla sua formazione e alla sua crescita globale.

Su e giù per la Val Camonica in bicicletta

28 Giugno 2018

La scuola secondaria di primo grado ha organizzato dal 23 al 27 giugno una biciclettata in Valle Camonica.

26 i partecipanti tra ragazzi ed accompagnatori.

Dopo il trasferimento in treno da Torino a Breno (campo base), il campo si è svolto andando su e giù per la Valle in bici e a piedi, esplorando luoghi antichi e meraviglie della natura, costeggiando il fiume Oglio attorno al quale le piste ciclabili sono splenditamente tenute.

I giorni sono trascorsi velocemente in un clima sereno e appassionato, a cui ognuno ha contribuito in modo diverso.

Dopo la giornata trascorsa tutta all’aria aperta, nel tardo pomeriggio c’era un momento di riflessione individuale e di gruppo sul tema dello sport come come propedeutico per gli Esercizi Spirituali.
La giornata terminava con il “momento delle stelle”: un tempo di rilettura della giornata fatto nel silenzio, contemplando lo splendore del cielo stellato di montagna.

Al termine del campo il contachilometri ha segnato: 90! Questi i chilometri percorsi in cinque giorni tra salite, discese, gare di velocità, qualche incidente e qualche piccolo problema tecnico, ma alla fine tutti contenti e soddisfatti dei risultati raggiunti per cui… buona estate a tutti e alla prossima!

Sr. Carla

Libri di testo 2018/19

28 Giugno 2018

Anno Scolastico 2018 – 19

ELENCHI DEI LIBRI DI TESTO
PER L’ANNO SCOLASTICO 2018 – 2019 new_animato[1]

textbooks[1]

Come ogni anno la scuola mette a disposizione il servizio di prenotazione e consegna dei libri di testo presso l’Istituto.

Ricordiamo che l’adesione a questo servizio è del tutto libera.

Chi desiderasse farlo dovrà  consegnare la propria prenotazione in Segreteria, improrogabilmente entro il 15 luglio, utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal link a fondo pagina. Per eventuali ordini successivi a tale data non è possibile garantire la consegna entro l’inizio della scuola.

E’ possibile segnalare la richiesta di ricevuta fiscale o fattura (nel qual caso dovranno essere precisati i dati fiscali del richiedente: cognome, nome, indirizzo, codice fiscale).

Il pagamento dovrà essere effettuato con assegno o contanti direttamente agli addetti alla consegna dei libri.

Per il ritiro dei libri prenotati entro il 15 luglio, è previsto il seguente calendario di consegna presso l’Istituto:

  • Sabato       8 settembre dalle    9,30  alle 12,30
  • Lunedì       10 settembre dalle  7,45  alle  9,00
  • Martedì      11 settembre dalle  7,45  alle  9,00
  • Mercoledì   12 settembre dalle  7,45  alle  9,00
  • Giovedì      13 settembre dalle  7,45  alle  9,00
  • Venerdì      14 settembre dalle  7,45  alle  9,00

A tutti voi l’augurio di Buone Vacanze!

  • fileicon MODULO_PRENOTAZIONE_LIBRI_DI_TESTO_2018-19.pdf

  • fileicon PRIMARIA_-_libriditesto_2018-19.zip

  • fileicon SECONDARIA_I_GRADO_-_libriditesto_2018-19.zip

  • fileicon LICEO_CLASSICO_-_libriditesto_2018-19.zip

  • fileicon LICEO_SCIENTIFICO_-_libriditesto_2018-19.zip

  • fileicon LICEO_SC._SPORTIVO_-_libriditesto_2018-19.zip
  • Tutti in gita a Zoom!!!

    28 Giugno 2018

    Alla scuola dell’infanzia “Il giardino dei colibrì” negli ultimi mesi di scuola è ormai tradizione organizzare una gita finale tutte le classi insieme con le loro insegnanti e assistenti, proprio per concludere l’anno scolastico con un momento formativo per i bambini ma soprattutto di aggregazione per tutto il personale del plesso (adulti e bambini). Quest’anno si è scelta come meta della gita finale il Parco “Zoom” a Cumiana, che offre un’ampia gamma di attività nel quale i bambini sono spettatori, ma a volte anche protagonisti! Nella mattinata del giorno 23/5/18 tutte le classi si sono recate all’Anfiteatro di Petra per assistere allo spettacolo dei rapaci, nel quale alcuni falconieri hanno fatto sfrecciare i loro rapaci proprio sopra le nostre teste! Abbiamo vissuto momenti davvero emozionanti, per poi proseguire la visita andando a scoprire come vivono altri animali, quali per esempio l’ippopotamo, le giraffe e altri animali della savana nella zona chiamata Serengeti, siamo passati al Tempio delle Tigri e nella Baia dei Pinguini per poi fermarci per un momento di ristoro nel quale abbiamo fatto un bel pic nic con le sfiziosità che la scuola aveva preparato per noi. Nel pomeriggio l’esplorazione procede visitando la zona degli animali della fattoria, per concludere poi con un entusiasmante giro nell’Isola dei Lemuri del Madagascar: abbiamo potuto osservare questi animali da molto vicino in quanto sono amichevoli e in questa zona possono muoversi liberamente. Questa gita ha permesso ai bambini di arricchire notevolmente le loro conoscenze sulle caratteristiche di molti animali, il loro stile di vita e habitat naturale e su quali sono i comportamenti da tenere per conoscerli meglio, rispettandoli nel loro essere.

    Aspettando la prossima gita, per ora vi auguriamo…Buone vacanze a tutti!”   

    I piccoli colibrì… il nuoto e l’orto

    27 Giugno 2018

    I nostri piccoli alunni della scuola dell’infanzia si “destreggiano” oltre alle numerose attività, nella coltivazione dell’orto e nel nuoto.

    Piccoli gruppi si prendono cura delle erbe aromatiche, le piantano, le innaffiano e curano il loro CUSTODE (lo spaventapasseri) …le mani si sporcano di terra, ma sai che bella soddisfazione vedere le nostre piantine crescere?

    Con l’aiuto delle maestre lavorano imparando l’importanza della natura e a portarne rispetto.

    Altra grande avventura dei nostri piccoli è il nuoto… questo permette loro di acquisire autonomia e sicurezza nell’acqua…

    C’è chi nuota e si tuffa seriamente e chi, ancora piccolino, si cimenta nei giochi in acqua, con materassi, palline, tubi e salvagenti o a percorsi nella piscina piccola, dove poter provare i primi tuffi e le prime bracciate… il tutto sotto la stretta sorveglianza delle maestre!

    Ed ora con l’avvicinarsi delle vacanze potranno dimostrare quanto sono diventati tanti piccoli pesciolini!

    Licei – Date delle prove di verifica di settembre 2018 per la definizione dei giudizi sospesi, colloqui con allievi che rientrano dall’anno all’estero e calendario degli scrutini

    25 Giugno 2018
      Sab 1 settembre 2018 Lun 3 settembre 2018 Mar 4 settembre 2018
    Mattino ore 9.00

     

     

     

    Greco triennio

    Matematica

    Spagnolo

     

    Inglese

     Italiano

     

     

    Latino

    Scienze

     

     

    Pomeriggio
    ore 14.30

     

     

    Diritto/Economia


    Storia/geopolitica

     

    Fisica


    Greco biennio

     
     

    N.B.: Il giorno 5 settembre 2018 si terranno gli scrutini (dalle ore 8.00) e i colloqui per gli allievi che rientrano dall’anno all’estero, ore 14.30

    Calendario scrutini

    Ora Classe
    8.00-8.45 1LSS
    8.45-9.30 1CL
    9.30-10.15 1A
    10.15-11.00 2A
    11.00-11.45 2LSS
    11.45-12.30 2CL
    12.30-13.15 3A
       
    14.15-15.15 Colloqui con allievi che rientrano dall’anno all’estero
    15.15-16.00 3CL
    16.00-16.45 3LSS
    16.45-17.30 4LSS
    17.30-18.15 4CL
    18.15-19.00 4A

    Giubileo Aloisiano e ultimi voti di P. Denora

    21 Giugno 2018

    Carissimi,

    Vi raggiungo con questa mia comunicazione nel giorno di San Luigi Gonzaga.

    Quest’anno è un anno speciale per festeggiarlo. La Compagnia di Gesù celebra infatti i 450 anni dalla sua nascita (9 marzo 1568, a Castiglione delle Stiviere) e la Santa Sede ha proclamato per questo un Anno Giubilare Aloisiano (9 marzo 2018 – 9 marzo 2019), in un tempo in cui, su invito di Papa Francesco, la Chiesa punta l’attenzione sui giovani e con il Sinodo dei Vescovi proprio sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».

    Il P. Arturo Sosa S.I., Superiore Generale della Compagnia di Gesù, ci dice: “Desidero invitare tutta la Compagnia, nelle sue comunità e istituzioni – parecchie delle quali portano il nome di Luigi Gonzaga – a trovare il modo migliore di celebrare questo tempo di grazia, che attira il nostro sguardo sull’arricchimento che i giovani significano per la società, la Chiesa e la Compagnia”.

    Il nostro Istituto, che dalla sua fondazione nel 1881 ha come Patrono San Luigi, ha scelto di celebrarlo con un pellegrinaggio a Roma, presso la chiesa di Sant’Ignazio di Loyola in Campo Marzio, dove riposano le spoglie di San Luigi. Essa è una meta privilegiata per celebrare questo giubileo. In essa i fedeli potranno ottenere l’indulgenza plenaria alle condizioni abituali (confessione sacramentale entro gli 8 giorni, comunione eucaristica, preghiera per le intenzioni del S. Padre). Il pellegrinaggio si svolgerà durante il fine settimana 12-14 ottobre 2018.

    Quegli stessi giorni segneranno anche una tappa fondamentale per la mia vita di gesuita e di uomo, che mi piacerebbe condividere con tutti voi. Il 13 ottobre, nel pomeriggio, presso la chiesa di Sant’Ignazio a Roma pronuncerò i miei ultimi voti  per l’incorporazione definitiva nella Compagnia di Gesù

    Sento nel cuore un grande senso di gratitudine: “Grazie a Dio, grazie alla Compagnia, grazie a tutti coloro che sono parte fondamentale della mia storia di Gesuita”.

    Sono passati tanti anni da quando sono entrato nella Compagnia di Gesù: ero un ragazzo timido e introverso, ma anche sognatore e innamorato di un Dio riscoperto nell’adolescenza come Dio di Amore (un po’ “astronauta” come diceva mia madre), il Dio di Gesù Cristo, amico dei poveri e dei sofferenti, che mi affascinava tanto, e a cui dedicare la vita diventandone “compagno”.

    Il Signore mi ha preso per mano, mi ha accompagnato in questo percorso, ha fatto crescere la mia fede e la mia umanità attraverso incontri, esperienze, tappe di formazione, studi, responsabilità varie che mi sono state affidate.

    Oggi mi ritrovo “adulto” con il rinnovato desiderio di esserGli Compagno in questa Sua Minima Compagnia, lo stesso desiderio di un tempo, ma direi con una consapevolezza diversa.    

    L’Amore più maturo è proprio quello della conoscenza maggiore del Signore, delle persone a cui sei inviato, di te stesso… E’ un Amore che impara nel susseguirsi concreto delle cose della vita ad affidarsi sempre più al lavoro paziente di Dio in tutte le persone, in tutte le situazioni, in tutta la realtà anche quelle apparentemente più lontane da Lui.

    Dio è buono ed è fedele ed opera in tutto e tutti… ed è da qui che nasce la gratitudine: essere parte di questo cammino, pieno  di doni da Lui ricevuti, essere quasi portati da Lui e dalla Sua Provvidenza attraverso le occasioni, i tempi, e soprattutto le persone, essere umilmente con Lui come compagno Suo, accanto alle ferite del nostro mondo,  in questo avanzare del Regno. 

    In questi anni certamente ho conosciuto meglio il Signore, la sua vita, il suo stile, le sue preferenze…. rimango toccato dal suo amore per i piccoli e per i poveri e dal suo modo di procedere, così libero da schemi precostituiti, così umile e vicino a tutti, fino alla fine.

    Ho sentito di conoscerlo meglio soprattutto attraverso l’amicizia dei piccoli e dei poveri che ha sempre accompagnato la mia vita. Fossero essi gli immigrati albanesi della mia storia da ragazzo, o i bambini poveri a cui facevo il doposcuola, o i senza dimora di Genova, o gli immigrati rumeni a Padova, o i bambini abbandonati della Romania che mi guardano come padre, o quelli incontrati nell’esperimento del terz’anno in Kenya così carichi di vitalità e solidarietà, o i tanti tantissimi studenti che spesso indirettamente hanno riempito le mie giornate di lavoro e i miei pensieri … anche tra di loro ci sono piccoli e poveri insospettati: i loro occhi spesso descrivono storie di solitudine, di vite piene di cose ma vuote di amore, di ricerche di senso a cui non basta il benessere.

    Ho sempre pensato l’educazione (prima a Genova e a Parigi durante il tempo della formazione, poi a Torino, a Milano, nelle tante opere educative di cui ho avuto la responsabilità – Napoli, Messina, Scutari, Roma …-  nelle scuole di Fe y Alegria e ora a Palermo) come un luogo importante di servizio a questi Suoi piccoli perché possano sbocciare e accedere alla bellezza della loro vocazione e sentire l’immensa dignità a cui ogni vita è chiamata e a cui ogni vita ha diritto e perché così formati con cura ed esigenza possano trasformare il mondo e farlo più umano e più giusto.

    Ho condiviso in questi anni con tanti educatori, gesuiti e tantissimi laici, questa passione educativa anche in tempi duri per le scuole della Compagnia e cattoliche in Italia.

    Così in tutti questi anni il Signore mi ha dato tanti fratelli, sorelle e anche sopratutto tanti figli per camminare con loro nella costruzione del Regno.

    Sono per questo contento di farvi partecipe di questo passo del cammino così importante per un Gesuita che è l’incorporazione definitiva nella Compagnia. E’ certamente un momento profondamente personale ma anche frutto di un cammino che il Signore ci ha fatto fare insieme e a Lui insieme rendiamo grazie.

    Perché pensare di fare gli ultimi voti nella Chiesa dove è sepolto San Luigi Gonzaga? L’avrete certamente capito. Nella sua figura sono sintetizzate le missioni ricevute in tutti questi anni di Compagnia, che mi hanno fatto crescere e a cui guardo con immensa gratitudine: i giovani (attraverso l’educazione e la scuola) e i poveri.

    San Luigi Gonzaga è il protettore dei giovani e degli studenti ed è un santo che si è lasciato toccare fino a dare la vita dall’incontro con chi è ai margini della società. Egli è il patrono di tante istituzioni educative cattoliche e dei Gesuiti che fanno parte della mia storia: di Palermo e di Torino e, in un momento iniziale, anche di Milano (il primo collegio si chiamava S. Luigi) e, nella nuova Provincia Euro-Mediterranea, della scuola di Malta.

    Vorrei sintetizzare la sua vita in due gesti: il primo è quello di una scelta controcorrente segnata da un grande desiderio di libertà, di verità, di onestà, di purezza, un desiderio fortissimo e bellissimo di seguire il Vangelo piuttosto che una promettente carriera familiare di ricchezza, di fama e di potere che si afferma senza compromessi e senza mezze misure nel cuore di Luigi ancora bambino. Ed è anche questo che mi colpisce, come mi ha colpito molte volte nella mia missione educativa: l’apparire nel cuore di bambini e giovani di sogni e desideri autentici, puri, belli, di vita spesa per gli altri e non trattenuta dalle prospettive di piccolo cabotaggio che il nostro mondo loro propone.

    Il secondo gesto è quello di non rimanere indifferente davanti alla vita di un malato di peste e di prenderlo in braccio, con coraggio e senza pensare nemmeno per un momento ad alternative diverse dalla cura e dall’amore. Così Luigi rischia la vita per gli ammalati, gli esclusi, gli emarginati, giungendo al punto di donarla per loro. Ed anche questa generosità senza difese, senza false protezioni, mettendosi in gioco per l’altro ha fatto capolino nella mia vita accompagnando tanti ragazzi nelle esperienze di servizio e missione.

    Aiutandomi con le parole del nostro Padre Generale, Arturo Sosa S.I., vorrei dire “Sono convinto che lo Spirito di Dio continui a interpellare molti giovani, nella fede e nel confronto con la sofferenza dei poveri della terra. Sono molti, quelli di loro che sognano un mondo senza corruzione, trasparente e onesto, nel quale vi sia riconoscimento e accoglienza per tutti. Sono molti i giovani che, in modo nobile, audace e generoso, desidererebbero fare qualche cosa per il bene dell’umanità e dei popoli; vorrebbero che la sofferenza di tanti scomparisse, che si giungesse alla riconciliazione tra persone e tra popoli, che si proteggesse il nostro pianeta, e che l’umanità si lasciasse guidare da valori trascendenti, i quali diano senso al mondo e alla storia umana. Tuttavia, sovente molti di loro non sanno come farlo.

    È dunque il momento di ascoltarli, e di domandarci come aiutare i giovani a crescere in profondità nella propria fede e nell’amore a Cristo, in modo da potere, con un coraggio come quello di Luigi Gonzaga, affrontare gli idoli della cultura dominante. Così pure … è questa l’occasione per … aiutare i giovani a superare oggi ogni genere di timore e di rabbia, suscitata di fronte a quelli che sono “diversi” o “altri”, per poter manifestare accoglienza, fiducia e compassione… e (per) presentare ai giovani di oggi ideali di vita alti ed anche….  la Compagnia di Gesù e la vita religiosa come una gioiosa scelta di vita, per servire e dare la vita per gli altri”

    Il pellegrinaggio si svolgerà così durante il fine settimana 12-14 ottobre 2018.

    Il programma prevede che il sabato 13 mattino si possano visitare la Chiesa di Sant’Ignazio, le camerette di San luigi Gonzaga e altri luoghi cari alla Compagnia (la Chiesa del Gesù). Nel pomeriggio ci sono gli ultimi voti e a seguire un rinfresco. La sera nel cortile dell’Istituto Visconti (antico collegio Romano) ci sarà una festa-concerto dedicata a San Luigi Gonzaga. Il 14, poi, a Roma c’è la canonizzazione con cui Papa Paolo VI e Oscar Romero saranno proclamati Santi. Ci potremo quindi fermare per partecipare a questo grande evento, che corona il nostro pellegrinaggio con il ricordo di due grandi testimoni del nostro tempo.

    A breve vi invieremo come Istituto tutti i dettagli organizzativi.

    Non mi resta altro che affidare alle vostre preghiere la preparazione di questo evento, ringraziare quanti aiuteranno nell’organizzazione, confidare nella vostra partecipazione e continuare a dire Grazie a Dio che si è reso presente e ha lavorato tanto nella mia e nella nostra storia.

    P. Vitangelo

    Palermo, 21 giugno 2018
    Festa di S. Luigi Gonzaga

    Scene dall’English Camp

    19 Giugno 2018

    Grande successo anche per questa edizione 2018 dell’English Camp, un “viaggio senza valigia”, una full immersion nella lingua inglese divertendosi in allegria.

    Finale di settimana con certificati, giochi insieme a genitori e nonni, baci e abbracci.

    Un arrivederci a chi torna lunedí e un augurio di buona estate a chi parte.

    Infanzia: inizio anno scolastico 2018/19

    11 Giugno 2018

    Carissimi Genitori,

    EsprimendoVi viva riconoscenza per la fiducia accordataci iscrivendo i Vostri figlioli nella nostra Scuola, V’invio il calendario di settembre e alcune utili informazioni riguardanti l’inizio del nuovo anno scolastico 2018/2019:

    Lunedì 3  settembre inizio di assistenza (già concordato in segreteria con Genitori)  ore 7,30 / 19,00

                 3 settembre  RIUNIONE con le Famiglie dei nuovi alunni iscritti            ore 17,30 /19,30

    Mercoledì    5 settembre   WELCOME PARTY per i bimbi nuovi                       ore 15,30 /17,30

    Lunedì     10 settembre   INIZIO SCUOLA   per alunni  già frequentanti

    Martedì   11 settembre  INIZIO INSERIMENTI orario personalizzato e già concordato con le Maestre.

    Lunedì    18  settembre  ORARIO COMPLETO  ore 7,30 /19,00 – orario personalizzato per i bimbi nuovi.

    L’orario d’inserimento per i nuovi iscritti sarà concordato con le Maestre di sezione, il giorno 5 settembre, durante la festa di Welcome Party .

    L’inserimento avverrà nel rispetto dei tempi di ogni singolo bambino.

    Le divise e il corredino della scuola saranno disponibili il giorno 3 settembre, presso la sede dell’Associazione Educare Insieme, all’interno dell’Istituto. prima e dopo la riunione e poi nei giorni successivi, stabiliti dall’Associazione Educare Insieme.

    Invio a tutti e a ciascuno un cordiale saluto e l’augurio di BUONE VACANZE.

    La Coordinatrice Didattica

    Flora Negro

    Pagina successiva »

    Bacheca Download