Un nostro ex-alunno è il notaio più giovane

22 settembre 2018

Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una lettera da Alberto Vadalà, un nostro ex-alunno maturatosi 10 anni fa, accompagnata dalla pubblicazione di un articolo su “La Stampa” in cui presentavano il rientro in Piemonte di “uno dei notai più giovani d’Italia”. Di seguito, il testo della lettera di Alberto, in cui ricorda gli anni di studio al Sociale, e l’articolo di La Stampa di martedì 11 settembre.

Gent.mi Professori, 
Caro Padre Denora,

Sono passati 10 anni da quando mi sono diplomato all’Istituto Sociale. 
Da quel giorno ad oggi molte cose sono cambiate: mi sono laureato alla Luiss in giurisprudenza nel marzo 2013, con un Anno Accademico di anticipo, il massimo dei voti e la lodeHo quindi proseguito i miei studi a Napoli vincendo, nel 2014, il concorso di ammissione al dottorato di ricerca in diritto commerciale (primo posto nella graduatoria di merito) e frequentando i corsi per la preparazione del concorso notarile, che ho superato quest’anno. Sono tra i più giovani notai di sempre
E’ con immenso piacere, e tanta emozione, che condivido con Voi l’articolo pubblicato ieri, 11 settembre, sul quotidiano La Stampa
Si tratta di un riconoscimento che arriva dopo anni di sacrifici immensi, con tante rinunce e poche, pochissime concessioni, durante i quali ho però ottenuto esattamente quanto desiderassi e praticamente tutto ciò che potessi avere. 
In questo percorso l’Istituto Sociale ha svolto un ruolo centrale per la mia preparazione e la mia crescita. 
Per questa ragione esprimo sin d’ora il mio favore acché divulghiate questo articolo – pubblicato da un giornale così autorevole e di così ampia diffusione – anche sui vostri mezzi di comunicazione e mi rendo disponibile ad integrarlo e ad intervenire direttamente ad incontri per raccontare la mia positiva esperienza in questo Istituto.
 
Con profonda gratitudine. 
Alberto Vadalà
 

Bacheca Download