La Giornata Mondiale della Terra alla scuola dell’Infanzia

18 Maggio 2019

Una delle priorità della rete Gesuiti Educazione è la cura e la politica ambientale. La Giornata Mondiale della Terra è stata l’occasione alla scuola dell’Infanzia per “rileggere” i numerosi progetti che sono stati vissuti in questo anno scolastico. Ecco due articoli da due sezioni differenti della nostra scuola dell’Infanzia che ci raccontano come hanno vissuto, cosa hanno fatto e come si sono preparati i nostri piccoli “Colibrì”.

————————

Il giorno 22 aprile è stata festeggiata la giornata mondiale della Terra. Le Nazioni Unite celebrano questa ricorrenza, ogni anno, un mese e un giorno dopo l’equinozio di primavera: il 22 aprile per l’appunto. La celebrazione vuole coinvolgere più nazioni possibili affinché sia universalmente sottolineata la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra; l’evento, con il passare delle edizioni, è divenuto un avvenimento educativo ed informativo.

Anche il nostro Istituto ha deciso di prendere come tema annuale, da svolgere in verticale tra tutti i plessi, il tema “La tutela del patrimonio e dell’ambiente”. Nello specifico, la Scuola dell’Infanzia ha sviluppato la programmazione dell’attuale anno scolastico sensibilizzando i bambini al risparmio dell’acqua del cibo,  dell’energia, alla raccolta differenziata e al rispetto di tutto ciò che riguarda la natura.

Gli incontri tra plessi verticali sono avvenuti con la Scuola Primaria, che ha regalato a ogni sezione dell’Infanzia un bulbo da far germogliare.

 

 Con la Scuola Secondaria di secondo grado, e in particolare con la seconda Scientifico, il progetto ha visto la classe dividersi in cinque gruppi di quattro alunni. Ogni gruppo ha saputo elaborare e preparare, in modo semplice ma interessante, una lezione sull’importanza della differenziazione e produrre qualche proposta su come effettuarla.

Ogni gruppo è quindi sceso nella Scuola dell’Infanzia ed è stato assegnato a una sezione.

 I piccoli alunni del Giardino dei Colibrì si sono dimostrati  subito molto interessati e felici di lavorare “con i Grandi” e sono stati molto attenti, partecipando attivamente e rispondendo prontamente  anche alle domande che venivano fatte loro.

 

 

 

 

 Nel secondo incontro i ragazzi hanno aiutato i bimbi a creare e poi a colorare delle maracas realizzate interamente con materiale di riciclo.

(sezione Viola)


 

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Il 22 aprile, giorno scelto per ricordare e festeggiare il nostro pianeta, la Madre Terra che ci ospita e ci dà la vita, dovrebbe essere impresso nella mente di tutti noi come uno dei giorni più importanti dell’anno.

Il 22 aprile dovrebbe essere una festa globale, ma al tempo stesso personale: la festa della nostra Madre Terra, come la festa della mamma, un’occasione irrinunciabile per farle capire quanto l’amiamo e quanto le siamo grati per la vita che ci ha dato e per ciò che ci dona tutti i giorni.

Invertendo il punto di vista, la Giornata mondiale della Terra dovrebbe essere al tempo stesso un giorno qualunque, un giorno normale, perché amarla e rispettarla dovrebbe essere un gesto quotidiano, abituale e dovrebbe essere scontato proteggere ciò che ci protegge.

Tutti i giorni dell’anno dovrebbero essere giorni buoni per ricordare a noi stessi da dove veniamo, cosa siamo e quanto la nostra vita dipenda dalla Terra e da tutti gli esseri viventi che la popolano, i quali pur non essendo dotati di quelle che noi definiamo “sapienza”, in quanto appartenenti alla specie Homo Sapiens, la rispettano più di noi che la avveleniamo ogni giorno con qualcosa che chiamiamo progresso.

Da queste due visioni dicotomiche nasce l’approccio con cui quest’anno abbiamo deciso di avvicinare i nostri piccoli Colibrì alla Giornata mondiale della Terra.

Dall’inizio dell’anno stiamo portando avanti il Progetto Ambiente che attraversa tutta la nostra didattica e che, in più occasioni ha messo i nostri bambini di fronte alla responsabilità di avere un approccio rispettoso e costruttivo verso l’ambiente. Possiamo citare come esempi il progetto del non spreco dell’acqua, l’attività di semina del grano, la raccolta differenziata con i ragazzi del nostro Liceo, che li ha resi “piccoli cittadini” consapevoli dell’importanza delle risorse del Pianeta e delle meraviglie della natura. Abbiamo anche partecipato all’intelligente progetto “Piantiamola”, ideato dalla Scuola Primaria, che ha coinvolto tutto l’Istituto Sociale.

 le

 

 

 

 

 la

I nostri bimbi sono costantemente stimolati a guardare il mondo che li circonda con una prospettiva più ampia e orientata alla vita, come quando è stato suggerito loro di conservare i semini della frutta che mangiano per provare a seminarli ovunque loro desiderino, poichè ognuno di noi può contribuire a far nascere la vita sulla Terra oltre che a proteggere quella esistente ni tutte le sue forme.

Crescendo, ricorderanno di quando quest’anno a Carnevale abbiamo assegnato ad ognuno di loro una maschera speciale: un animale in via d’estinzione. I bimbi li hanno sentiti loro e crescendo magari proveranno a proteggerli dalla cattiveria del genere umano che crede di possedere il mondo. Per ogni animale che si estingue si perde per sempre un pezzo della vita del Pianeta e con esso anche della nostra vita, i bambini questo lo hanno capito forse più di noi e sono stati orgogliosi di rappresentare un elefante piuttosto che un panda o una balena durante la giornata del Carnevalsociale.

Il 22 aprile quest’anno nelle nostre classi è stato un giorno di partecipazione e di rispetto come gli altri, ma per partecipare a un rito comunitario, sono state distribuite ai bambini alcune schede sul tema ed è stato spiegato loro che quello era il giorno in cui le persone amano e rispettano la Terra e l’ambiente, esattamente come noi facciamo in classe tutti i giorni.

E’ bello rendere speciale un giorno normale, ma lo è ancora di più rendere normale un giorno speciale!

Bacheca Download