Presentazione Ecocomitato

8 Novembre 2019

Cari Genitori,

come penso tutti sappiate da alcuni anni il Sociale ha fatto propri i principi espressi dall’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco e in particolare il suo concetto di ecologia integrale, volta a proporre modalità e strategie per integrare giustizia, fede e attenzione per l’ambiente. Come suggerisce Papa Francesco è importante promuovere “una nuova sensibilità che recuperi i diversi livelli dell’equilibrio ecologico: quello interiore con sé, quello solidale con gli altri, quello naturale con gli esseri viventi, quello spirituale con Dio”.

L’educazione alla cura della nostra casa comune è diventata parte della missione della nostra scuola coerentemente a quanto espresso nelle Preferenze Apostoliche della Compagnia di Gesù e nel Piano Apostolico della Provincia EuroMediterranea.

A questo si aggiunge il coinvolgimento globale su queste tematiche. Basti pensare ai venerdì per il futuro, la giornata del clima ecc.

Con tutti gli altri collegi della Compagnia di Gesù della Provincia EuroMediterranea, si intende fare quest’anno un ulteriore passo in avanti per arrivare a una vera e propria politica ambientale delle scuole, a una Green Policy. Si intendono perciò introdurre, oltre alle azioni sostenibili in linea con il percorso di apprendimento degli studenti, che già si attuano da tempo, buone pratiche che rispondano ad alcuni principi fondamentali quali la responsabilità condivisa, la sussidiarietà e l’integrazione.

Il primo passo è stato quello di istituire un comitato ecologico (l’Ecocomitato) a cui partecipano tutte le realtà che costituiscono la comunità del Sociale: la Direzione, i docenti e i non docenti, gli alunni, le famiglie, insieme alle ditte che vi lavorano: mensa, pulizie.

L’Ecocomitato si è incontrato per la prima volta il 28 ottobre e si è deciso di muoverci in alcuni settori.

In particolare:

La raccolta differenziata. Da lunedì 4 novembre sono stati collocati i bidoncini per la raccolta differenziata.

La diminuzione dell’uso della plastica.  Per questo ci stiamo attivando per l’introduzione progressiva di dispenser di acqua filtrata. Si stanno anche prendendo contatti con ditte fornitrici di borracce per un’eventuale distribuzione agli alunni.

Si è anche iniziato a introdurre nelle macchinette merendine bio, come per es. frutta liofilizzata.

L’attenzione allo spreco dell’energia elettrica.

L’attenzione allo spreco del cibo. All’infanzia è tenuto in grande considerazione e dovrebbe diventare un progetto di continuità anche per gli altri plessi che mangiano a scuola e anche per gli adulti.

L’attenzione allo spreco dell’acqua.

L’attenzione allo spreco della carta.

 

Su questi aspetti nell’Ecocomitato sono state coinvolte anche la mensa e la ditta delle pulizie in modo da avere tutti un comportamento coerente.

Nell’Ecocomitato i genitori rappresentanti ci hanno sostenuto in queste scelte e ci aiuteranno nel vostro coinvolgimento perché a casa con un comportamento coerente si rinforzino queste indicazioni.

Sono stati anche sollecitati gli studenti dei licei, tramite i loro rappresentanti al Consiglio d’Istituto, a realizzare quanto deciso. Per questo si è già organizzato un Comitato degli Studenti (COS).

Nell’Ecocomitato infine è stato sottolineato che questi provvedimenti sono importanti per far nascere una consapevolezza nelle persone ma hanno un basso impatto. Il passo successivo dovrà essere quello di considerare sempre di più l’impronta ecologica (l’indicatore che valuta il consumo umano di risorse naturali rispetto alla capacità della Terra di rigenerarle). Ogni anno viene indicato il giorno in cui gli abitanti della Terra hanno utilizzato tutte le risorse disponibili per l’anno. Questa data ogni anno si anticipa. Quest’anno sarà il 29 luglio 2020.

Il Sociale ha già fatto alcuni passi in questo senso soprattutto per quanto riguarda il risparmio energetico. Dal 2012 è stato installato un impianto fotovoltaico sul tetto da 100KW che permette di fornire il 25% dell’energia necessaria per tutto il complesso del Sociale. Nel 2015 si sono sostituiti circa 1200 neon con lampade a Led per una copertura totale di lampade a basso consumo e risparmio energetico pari al 95%. Nel 2014 sono state installate nuove caldaie a basso contenuto di emissioni con una potenza di 1040 Kw che permettono un risparmio del 25%-30% rispetto a quelle utilizzate in precedenza. Altri passi dovranno essere fatti nei prossimi anni.

Avremo modo, anche negli incontri comuni, di ritornare su queste tematiche, facendo emergere anche i risultati raggiunti e aggiornandovi sui passi successivi.

Intanto iniziamo a ringraziarvi per la collaborazione e per l’aiuto che potrete darci per far nascere motivazioni forti che portino a una trasformazione personale e che diano vita a nuove abitudini e a uno stile di vita più responsabile e consapevole della dignità di ogni individuo.

A nome di tutta la Direzione vi saluto cordialmente

 

Prof.ssa Maria Cristina Bianco

 

Bacheca Download