I Colibrì festeggiano Thanksgiving

30 Gennaio 2020

Il Giorno del Ringraziamento è una festa di origine cristiana celebrata negli Stati Uniti ed è stata spiegata agli alunni cinquenni della Scuola dell’infanzia dell’Istituto Sociale.

I bambini, dopo aver capito la lezione, visto le illustrazioni e le documentazioni,

dopo aver fatto domande per risolvere le curiosità, hanno sentito il bisogno di ringraziare anche loro di avere una bella famiglia, di poter rientrare ogni sera in una casa confortevole, di aver avuto l’opportunità di trovare degli amici ai quali vogliono bene e di essere serviti a tavola ogni giorno con cibo in abbondanza.

I bambini hanno visto le immagini dei pellegrini che hanno fatto un viaggio sulla nave “Mayflower” per arrivare sulle coste americane durante l’inverno.

Questi pellegrini ricevettero un po’ di aiuto dai nativi americani per poter seminare alberi da frutto e verdure. Dopo il duro lavoro, i pellegrini decisero di celebrare un giorno all’anno, in novembre, per ringraziare Dio per l’aiuto ricevuto. Nel menù di quel primo anniversario Thanksgiving  portarono in tavola piatti tipici come il tacchino ripieno e la zucca.

A scuola, i nostri alunni, elaborando le conoscenze e usando materiali appropriati, hanno scoperto i simboli di questa festa e hanno riflettuto sui mille doni che ricevono abitualmente e per i quali essere grati.

Corsa campestre

29 Gennaio 2020

Martedì 26 gennaio una selezione di nostri studenti, accompagnati dalla professoressa di educazione fisica, ha partecipato alla finale provinciale di corsa campestre per le scuole Secondarie di primo grado.

Tutto il nostro Istituto si complimenta con i ragazzi!

Primaria – colloqui generali

28 Gennaio 2020

Cari genitori,

a conclusione del primo quadrimestre, sono previsti nella prima decina di febbraio, gli scrutini di tutte le classi. Da quest’anno le pagelle del primo quadrimestre saranno consultabili sul registro elettronico usando le solite credenziali di cui siete in possesso. In questo modo  si riducono i tempi e si rispettano gli impegni ecologici che la scuola ha assunto, evitando un inutile dispendio di carta. L’unica pagella come documento ufficiale è infatti quella di fine anno che sarà regolarmente stampata in toto e consegnata a mano alle famiglie in data da stabilire, nel mese di giugno.

Nel mese di febbraio sono previsti dei pomeriggi in cui le famiglie potranno incontrare quei docenti con cui non hanno ancora avuto possibilità di colloquio o con i quali hanno necessità di un confronto.

 

I pomeriggi previsti saranno:

 

lunedì 17 febbraio                          classi prime e seconde

 

Liggi, Picchio                               dalle ore 15.00 alle 17.00

Dellai, Tavella                                   dalle ore 15.00 alle 17.00

Marengo, Martini, Ryan               dalle ore 17.00 alle 19.00

 

Martedì 18 febbraio                      classi terze

 

Tutte le docenti                                               dalle ore 17.00 alle 19.00

(Baridon, Mancini, Marengo, Martini,Ryan, Sassone)

 

Mercoledì 19 febbraio                  classi quarte e quinte

 

Tutte le docenti                                               dalle ore 15.00 alle 18.00

(Prochet, D’Antonio, Polledro, Fassone, Martini, Marengo , Rabufo, Sassone)

 

Si chiede alle famiglie interessate di segnare sul diario, ENTRO  LUNEDI’ 3 FEBBRAIO,  il giorno e le docenti con cui chiedono il colloquio.

E’ evidente che i colloqui, prenotati nell’orario settimanale di ricevimento, consentono un’analisi della situazione più ampia e approfondita; tuttavia, tenuto conto delle oggettive difficoltà di molte famiglie nel prenotare  tutti i colloqui nelle ore del mattino, si offre anche questa possibilità di più colloqui in un unico pomeriggio. Per cercare di ridurre al minimo gli inconvenienti si raccomanda quanto segue:

  • Chi ha la possibilità di prenotare colloqui individuali nell’orario di ricevimento eviti di venire anche nei pomeriggi indicati lasciando questa possibilità a coloro per cui risulta veramente indispensabile.
  • I colloqui non siano di durata eccessiva, perché altrimenti il tempo globalmente a disposizione non sarà sufficiente.
  • Gli insegnanti saranno distribuiti nelle aule sulle cui porte d’ingresso saranno affissi dei fogli su cui i genitori scriveranno il proprio cognome nell’ordine di arrivo, in modo da avere l’indicazione di quanti li precedono e, approssimativamente, del tempo da attendere.

 

 

Cordiali saluti                                                                                           la Coordinatrice didattica

prof.ssa Paola Vigna

Giorno della Memoria alla Scuola dell’Infanzia

28 Gennaio 2020

I bambini lo sanno.

I bambini, forse anche più degli adulti, sanno che esistono giorni durante l’anno che sembrano avere uno scopo ben preciso, un motivo per cui ognuno di loro è diverso da tutti gli altri.

Il carnevale è il giorno in cui ogni divertimento è concesso, il compleanno è il giorno in cui si scartano i regali, il Natale tiene unite le famiglie e l’ultimo giorno di scuola apre le porte all’estate.

Oggi, 27 gennaio, è il Giorno della Memoria, un giorno che i bambini nella loro innocenza non possono conoscere e che con la loro bontà non possono immaginare.

Il 27 gennaio si sono aperti i cancelli di Auschwitz e il mondo ha scoperto  ciò di cui l’uomo è capace.

Questo giorno non avrebbe dovuto esistere ma nessuna generazione dovrà mai ignorare che sia esistito. Parlare ai nostri bambini dell’Olocausto è un preciso dovere storico e morale, ma i bambini dell’Infanzia devono essere protetti e per loro è già importante iniziare a comprendere il ruolo che la memoria ha nella crescita e nel continuo migliorarsi di una persona.

Capire che la memoria è uno strumento per non ripetere gli errori commessi, un alleato per non sbagliare, la medicina per curare il mondo.

Oggi a scuola ai bambini è stata proposta una riflessione sull’importanza della memoria, su come influenzi le loro piccole scelte di tutti i giorni e su come li aiuti a crescere senza sbagliare. Abbiamo chiesto loro di formulare un pensiero sulla memoria  e abbiamo scoperto che hanno ben chiaro dove si trova e come usarla.

 

“La memoria è nel cervello”

 

“Ci aiuta a pensare le cose mentre disegniamo”

 

Che sanno cosa può accadere se la si perde

 

“Il trenino Thomas aveva perso la memoria

e non riusciva a riconoscere i suoi vagoni”

 

ma, soprattutto, i bambini con le loro frasi ci hanno regalato una differente chiave di lettura del peso che ha avuto la memoria associato a questa terribile pagina di storia.

 

“Ricordiamo i momenti di quando abbiamo giocato”

 

“Ci fa ricordare le cose che abbiamo fatto”

 

I bambini usano la memoria per continuare il gioco quando finisce e con la fantasia ci costruiscono sopra per creare sogni e favole.

Ci sono venuti in mente tutti i bambini nei campi di concentramento, ma anche gli adulti che in qualche modo hanno trovato la forza per sopravvivere alla orribile realtà che li circondava.

Abbiamo immaginato che esista una sola via d’uscita da tanto dolore, che non ci sia altra soluzione che rifugiarsi negli angoli della propria mente popolati dai ricordi belli che la memoria custodisce per noi.

 

La memoria della loro vita prima di essere catturati li ha salvati dalla disperazione, dando loro uno stimolo per andare avanti e un porto sicuro dove rifugiarsi la notte.

 

La memoria di ciò che è potuto accadere ad Auschwitz potrà salvare l’umanità dalla sua stessa cattiveria.

 

I Licei e la Giornata della Memoria

25 Gennaio 2020

Il 27 gennaio alcuni ragazzi delle quinte dei Licei realizzeranno nel teatro della scuola una rappresentazione in occasione della giornata della memoria. Il fine è ovviamente quello di non dimenticare le atrocità della seconda guerra mondiale, facendo avvicinare i ragazzi in modo non accademico al tema della deportazione. La rappresentazione si strutturerà in due momenti, un primo momento sarà uguale per tutti, in cui verrà proposta una riflessione su alcune frasi tratte dalle leggi in vigore al tempo, mentre la seconda parte sarà adattata in base al pubblico: la pressione e la pesantezza del focus della stessa sono crescenti in relazione alle classi.

Licei – calendario scrutini 1 quadrimestre

24 Gennaio 2020
    FEBBRAIO   2020  
Lu 3 consiglio di classe 5^ classico

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 4^ classico

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Ma 4 consiglio di classe 3^ classico

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 2^ classico

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Me 5 consiglio di classe 2^ sc sportivo B

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 3 ^ sc sportivo

genitori + studenti rappresentanti

 

14.30-16,00

16,00-16,30

16,30-18,00

18,00-18,30

 

Gi 6 consiglio di classe 2^ scientifico

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 3^ scientifico

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Ve 7 consiglio di classe 4^ scientifico

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 1^ classico

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Lu 10 consiglio di classe 1^ sc sportivo

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 2^ sc sportivo A

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Ma 11 consiglio di classe 5^ scientifico

genitori + studenti rappresentanti

consiglio classe 1^ scientifico

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Gi 13 consiglio di classe 4^ sc sportivo

genitori + studenti rappresentanti

consiglio di classe 5 sc sportivo

genitori + studenti rappresentanti

 

14,30 – 16.00

16.00 – 16.30

16.30 – 18.00

18.00 – 18.30

 

Ludi storici

23 Gennaio 2020

L’Europa di fronte alle primavere arabe: è questo l’argomento dei ludi historici 2020, cui partecipa la classe V del liceo classico accompagnata dal prof. Bergamaschi. In preparazione all’argomento, e insieme ai colleghi degli altri licei torinesi che aderiscono all’iniziativa, gli studenti hanno assistito presso il teatro dell’Istituto Sociale alle lezioni del prof. Morelli («Quo vadis Europa?», 15 gennaio) e del prof. Coralluzzo («Le primavere arabe: una scommessa fallita», 21 gennaio) del dipartimento di Culture, Politica e Società di Unito. L’iniziativa rientra negli approfondimenti dedicati alle tematiche di cittadinanza e costituzione; il prossimo appuntamento sarà il 5 marzo, quando le classi torinesi si confronteranno nella forma della disputa presso il Liceo Alfieri.

LICEI: uscita a teatro classe 1 classico

21 Gennaio 2020

Gentili Genitori,

 

Si informa che, come approvato dal Consiglio di classe, gli alunni della classe 1^liceo classico, in data 18 marzo 2020 saranno impegnati in un’uscita al Teatro San Giuseppe, in Via Andrea Doria 18, per assistere allo spettacolo teatrale in lingua spagnola “Siempre Frida”.

Alle ore 10.10, subito dopo l’intervallo, gli alunni, accompagnati dalle prof.sse Vaona e Castagna, raggiungeranno con i mezzi pubblici il teatro. A conclusione della rappresentazione, prevista per le ore 13.30, avranno la possibilità di rientro libero a casa, previa autorizzazione dei genitori (vedi tagliando)

Cordiali saluti

Il Preside

Prof. Piero Cattaneo

Incontro con l’autore

14 Gennaio 2020

Lunedì 13 gennaio, l’Istituto Sociale ha ospitato lo scrittore Giorgio Scianna per un dibattito con gli studenti delle terze e quarte scientifico e sportivo sul libro “Cose più grande di noi”.

L’incontro ha toccato diversi temi inerenti al testo: la costruzione di una trama coerente, l’importanza dei dettagli nella scrittura, il rapporto dell’autore con la musica e come essa influenzi il suo modo di scrivere, gli anni di piombo e il silenzio che li avvolge ancora oggi, le ideologie e il disinteresse politico dei giovani d’oggi, il rapporto con tra adulti e adolescenti.

Le due ore trascorse con Scianna sono state una ricca opportunità di scambio e hanno permesso di aprire un dialogo con i ragazzi su tematiche attuali e urgenti.

 

Giorgio Scianna è nato nel 1964 a Pavia, dove vive, lavorando a Milano. Per Einaudi ha pubblicato i romanzi Fai di te la notte (2007, vincitore del Premio Comisso), Diciotto secondi prima dell’alba (2010), Qualcosa c’inventeremo (2014), il fortunato La regola dei pesci (2017, vincitore del Premio internazionale di letteratura Città di Como) e Cose più grandi di noi (2019). È autore del testo teatrale La palestra (2011), portato in scena con la regia di Veronica Cruciani.

Borse di studio “Felicita Gallesio”

4 Gennaio 2020

La Fondazione Felicita Gallesio, organizzazione non lucrativa di utilità sociale, nell’ambito della sua attività istituzionale, volta a favorire l’accesso alla proposta educativa e formativa dell’Istituto Sociale di Torino, e nell’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, con il desiderio di perpetuare l’attenzione prestata da alcuni benefattori ai giovani e alla valorizzazione del loro talento e capacità in chiave di crescita sociale, caratterizzata da solidi principi etici e religiosi, con particolare  attenzione  alla  spiritualità  ignaziana,  bandisce  un  concorso  per l’assegnazione di

5 borse di studio, denominate “Borse di studio Felicita Gallesio” per l’anno scolastico 2020-2021

per rendere possibile ai giovani e alle loro famiglie, senza alcuna distinzione di ceto sociale e senza alcuna preclusione, la frequenza dell’Istituto Sociale di Torino della Compagnia di Gesù e per favorire una scelta formativa fondata sui valori dell’uomo, considerati alla luce del Vangelo, secondo lo specifico progetto educativo dell’Istituto.

Possono partecipare al bando per l’assegnazione delle borse di studio tutte le famiglie che:

1) accettano espressamente di aderire al programma educativo dell’Istituto Sociale. Nel caso di iscrizione al Liceo Classico o Scientifico o Sportivo è richiesta anche l’accettazione del programma educativo da parte dell’alunno beneficiario;

2) si trovano in condizioni economiche, sociali o familiari svantaggiate;

3) dimostrano che il/la figlio/a ha i requisiti motivazionali e scolastici per usufruire con profitto di questa opportunità.

Le domande di partecipazione al bando devono essere indirizzate al Presidente della Fondazione Felicita Gallesio O.N.L.U.S., Corso Siracusa 10, 10136 Torino.

Le domande, da redigersi in carta libera ed in conformità allo schema allegato al bando, devono essere sottoscritte da entrambi i genitori o da chi esercita la potestà e dal potenziale beneficiario, se maggiorenne.

Le domande devono essere inviate entro il 29 febbraio 2020.

Alle domande deve essere allegata la seguente documentazione:

  1. dichiarazione  in carta libera delle motivazioni della domanda;
  2. certificato o autocertificazione attestante lo stato di famiglia dell’alunno per cui si richiede la borsa di studio;
  3. copia fotostatica dell’ Attestazione S.E.E. in corso di validità rilasciata dal Comune stesso o da altro Ente autorizzato;
  4. copia delle pagelle dell’anno scolastico2018-19 e I quadrimestre 2019/20;
  5. copia della mail di conferma di avvenuta richiesta dell’assegno di studio alla Regione Piemonte.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione si riserva altresì di richiedere ai candidati ulteriori informazioni eventualmente necessarie o utili al fine di verificare la sussistenza dei requisiti di cui al precedente articolo 2.

L’assegnazione delle borse di studio viene determinata ad insindacabile giudizio del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, su proposta del Presidente, il quale verificati i requisiti richiesti relativi alle condizioni economiche, sociali e familiari dei richiedenti, previa eventuale audizione dei candidati davanti ad una commissione, formula una graduatoria di merito basata su elementi documentati e oggettivi relativi alle condizioni economiche, sociali e familiari dei richiedenti, nonché, in caso di sostanziale equipollenza, formula una graduatoria anche in base al rendimento scolastico precedentemente dimostrato dagli alunni per cui si richiede la borsa di studio.

Il Presidente della Fondazione, a seguito della deliberazione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione in merito all’assegnazione delle borse di studio, provvede a comunicare l’esito della stessa agli assegnatari entro il 30 aprile 2020.

Gli assegnatari delle borse di studio o, nel caso in cui questi siano minorenni, i relativi genitori o chi altri esercita la potestà, devono confermare per iscritto alla Fondazione l’accettazione delle stesse. Tale conferma deve essere prodotta, sulla base di apposito modulo conforme a quello allegato al bando, inviato dalla Fondazione insieme alla comunicazione di assegnazione della borsa.

In considerazione delle finalità delle borse di studio, l’erogazione delle stesse, previa applicazione delle eventuali ritenute di legge, viene direttamente effettuata all’Istituto Sociale dalla Fondazione, la quale, agendo in nome e per conto dell’assegnatario, effettua tale versamento a titolo di copertura totale o parziale della retta per la frequenza della classe alla quale detto assegnatario risulta iscritto.

Nel caso in cui uno o più degli assegnatari rinuncino alla borsa di studio, il Consiglio di Amministrazione provvederà all’attribuzione della stessa agli altri in graduatoria qualora sussistano ancora sia le condizioni soggettive ed oggettive per l’iscrizione di tali studenti ai corsi dell’Istituto Sociale sia il loro interesse per il programma educativo e formativo dell’Istituto Sociale nonché per il godimento della borsa di studio.

Per le condizioni di mantenimento e le condizioni di decadenza delle borse di studio si veda il Regolamento, così come per le condizioni di riduzione a seguito della concessione del contributo regionale alla libera scelta educativa, concesso dalla Regione Piemonte.

Informazioni presso la Segreteria dell’Istituto Sociale.

  • fileicon Bando borse di studio "F. Gallesio" AS 2020/2021
  • fileicon Regolamento borse di Studio F. Gallesio
  • Bacheca Download