Una poesia in questi momenti difficili

13 Marzo 2020

Una poesia scritta dalla nostra Maestra Gabriella Mancini, accompagnata da una foto del Maestro Marco Cullari della nostra scuola Primaria, per condividere questo particolare momento storico ed emotivo.
#iostoacasa #lascuolanonsiferma

NAUFRAGANDO

Da chi sia stata posata su quel davanzale e quando, 

neppure lo sai.

La vedi ora, per la prima volta. 

In una mattina pallida come il tuo sguardo, 

che ha disegnato sopra la fronte un punto interrogativo. 

Per la scienza che lotta contro un male dai contorni indefiniti, 

per il tuo futuro e per quello degli altri.

Che oggi non ci sono, 

e chissà per quanto ancora non ci saranno. 

Per i passi che alle 10.20 di questo vuoto lunedì non senti, 

per le voci che non ti arrivano, se non nei tuoi ricordi, 

per il presente surreale che hai davanti e che è giunto così,

come nei film distopici che hanno sempre messo strane ali alla tua quotidianità. 

E, ora, nello spazio stravolto di un orologio che pare fermo,  prendi  tempo. 

Senza suoni, senza parole, senza maschere, senza fretta.

Osservi il lento sfiorire, ancora pieno di bellezza di una pianta. 

Semplice, banale e, solo qualche giorno fa, del tutto indifferente al tuo andare. 

E ti ‘sovvien l’eterno’ e le frasi che hai studiato, che hai amato, odiato.

E, forse, non ti è così dolce il ‘naufragar’ in questo mare, ma cancella l’effimero che è in te.

E ti fa guardare, foglia per foglia, petalo per petalo, terra per terra il ciclo continuo della vita. 

Che, forse, ha bisogno di questo tempo per dare un senso. 

Un vero senso. 

A tutto. A tutti. 

 

Bacheca Download