Una nuova formazione per cittadini responsabili

10 Settembre 2020

Ogni anno, prima dell’inizio delle lezioni, tutti i Docenti del Sociale, dall’Infanzia ai Licei, si dedicano a una intensa attività di formazione, aggiornamento e programmazione.

In questo anno scolastico, che si presenta ricco di cambiamenti, sfide e nuove attenzioni, questa fase di formazione e programmazione è stata particolarmente intensa.

Il 1 settembre è stato dedicato alla formazione tecnica specifica delle nuove normative, dei rischi legati alla pandemia e alla nuova organizzazione per prevenire e contrastare la diffusione del COVID-19. Tutti i docenti e il personale sono stati formati sul tema, sui suoi rischi, sulle procedure da adottare, sui dispositivi installati in Istituto, sulla riorganizzazione degli spazi e dei percorsi, sulle iniziative di prevenzione e di gestione di eventuali situazioni di pericolo. 

La mattina del giorno successivo, 2 settembre, invece, la formazione ha riguardato il tema: “Una nuova formazione per cittadini responsabili”. Come sede della formazione è stata scelta la sede di Libera (Gruppo Abele) in corso Trapani, che ci ha accolto con disponibilità mettendo i suoi spazi a nostra disposizione. Tre interventi di altissimo livello si sono susseguiti. Ha aperto i lavori il nuovo Direttore Generale del Sociale, il prof. Vincenzo Sibillo, dando il suo benvenuto e introducendo la “chiave di lettura” della giornata.

Nel primo intervento, il P. Francesco Occhetta SJ, gesuita, ha proposto una riflessione su: “Ripartire da un sogno culturale. Dalla formazione alla formazione politica”. Ha scritto P. Occhetta nel suo ultimo libro: “Nella fede cristiana la politica è vocazione e visione, è una forma di carità e di servizio – come ricordava Paolo VI –, è servizio al popolo che diventa il fine dell’azione politica, non lo strumento o il mezzo per compierla”.

Nel secondo intervento, l’on. Piero Fassino, ex-alunno del Sociale, che è stato ministro del commercio con l’estero dal 1998 al 2000, e dal 2017 è Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune dell’Unione Europea, ha proposto le sue considerazioni e il suo punto di vista sul tema: “L’Europa e la formazione di cittadini europei”. L’Europa, infatti, è il contesto sociale, culturale, istituzionale ed economico nel quale i nostri ragazzi sono chiamati a vivere da protagonisti e da cittadini attivi e consapevoli.

Infine, ha chiuso la mattinata l’intervento del prof. Salvatore Passari, sul tema “Dalle conoscenze ai comportamenti: il compito della scuola”, che ha consentito di collegare gli interventi precedenti, ricchi di contenuti, alle attività pomeridiane di programmazione didattica.

Durante il pomeriggio, infatti, i Docenti, divisi in quattro gruppi, hanno lavorato per progettare percorsi didattici sui 4 temi indicati dalle Linee Guida per l’Educazione Civica: Costituzione, Sviluppo Sostenibile, Conoscenza e Tutela del Patrimonio e del Territorio, Cittadinanza Digitale.

Ha concluso la giornata intensa, ricca di stimoli, spunti e anche di lavoro di progettazione e programmazione, la celebrazione della S. Messa, a cui si è unito don Luigi Ciotti, proponendo anche una sua riflessione sulla responsabilità e il ruolo dell’educatore nella società di oggi.

La qualità degli interventi, il profilo dei relatori, il coinvolgimento dei docenti, il loro lavoro di programmazione di nuovi percorsi e attività per i nostri ragazzi hanno reso questa giornata unica e preziosa. 

Riteniamo che per assicurare una scuola di qualità sia essenziale offrire ai Docenti momenti e percorsi di formazione, riflessione e aggiornamento, soprattutto in un momento e un contesto come quello attuale in forte evoluzione e cambiamento.

Guardare lontano, progettare il futuro, delineare le linee educative e didattiche da perseguire sono al centro dei lavori della nostra scuola in questi giorni prima dell’apertura del cancelli per accogliere i nostri ragazzi!

Possiamo solo dire che SIAMO PRONTI!

(photo gallery: cliccare sulla foto per ingrandire)

Bacheca Download