La cittadinanza globale

La cittadinanza globale è uno dei valori peculiari a cui si ispirano i programmi dell’Istituto, in coerenza con le Linee Guida della Fondazione e il nuovo piano apostolico della Provincia Euromediterranea ed è il cardine della sua offerta formativa.

Lo scopo è educare i ragazzi ad aprire e allargare la loro mente e il loro cuore alla dimensione del mondo, ai valori dell’internazionalità in termini di rispetto, di condivisione, di pluralismo e di solidarietà per costruire un mondo migliore. L’educazione delle scuole dei Gesuiti cerca di trasformare il modo con cui i giovani guardano se stessi e gli altri esseri umani, nella prospettiva di una ecologia integrale (cfr. lettera enciclica “Laudato sì”).

    Dai 3 ai 18 anni, con una particolare attenzione alla continuità tra un plesso e un altro, i giovani iscritti al Sociale intraprendono un percorso educativo capace di fornire una preparazione di alto livello e costantemente “connessa” con la realtà circostante attraverso una serie di strumenti fondamentali quali:

  • l’inglese, in tutti i plessi con lezioni tenute anche da insegnanti madrelingua, e, a partire dalla primaria, anche con materie svolte in lingua (CLIL) e con lezioni finalizzate al conseguimento di certificazioni internazionali (Trinity, KET, PET, First, Advanced, etc.)
  • i corsi per una seconda lingua straniera, con una particolare attenzione anche alla cultura e alla “civiltà” dei popoli che parlano la lingua oggetto di studio
  • i progetti di scambi internazionali come l’Eye Project e il Convegno “I Gesuiti e la Storia”
  • I campi di lavoro estivi in Romania, Perù, etc. per integrare la dimensione del servizio e della giustizia nel curriculum
  • i viaggi (tra cui il viaggio dei maturandi insieme con le altre scuole della rete) e gli scambi all’estero, tra cui anche la possibilità di svolgere l’intero quarto anno di Liceo presso il College inglese dei Gesuiti di Stonyhurst.