continuità

Qualche lezione… da liceale

26 Novembre 2020

Professore, ma che cosa si fa al liceo?

Le materie sono diverse?

Che cosa si studia?

Chiunque abbia insegnato in una classe terza della secondaria di primo grado si è trovato a dover rispondere a domande di questo genere.  Da diversi anni, proprio nell’ottica di accompagnare i nostri studenti nella scelta della scuola superiore, l’Istituto Sociale organizza un ciclo di lezioni tenute dai docenti del nostro liceo su alcune materie fondamentali degli studi liceali. La continuità verticale tra i plessi è infatti un elemento particolarmente importante per la nostra scuola, che viene curato con iniziative e progetti specifici, dall’infanzia ai Licei.

In particolare, gli studenti delle terze della secondaria di primo grado, quest’anno, potranno partecipare a lezioni di filosofia, fisica e matematica, inglese, spagnolo, latino e greco. 

Giovedì 26 novembre, la prima lezione di filosofia ha visto i ragazzi coinvolti in un… debate filosofico coordinato dalla professoressa Giordano e dal professor Bergamaschi dei nostri Licei.

 

A piccoli passi nell’avventuroso viaggio tra Infanzia e Primaria

28 Maggio 2020

La Continuità prima del lockdown

Il progetto per la continuità con la scuola dell’infanzia ha visto coinvolti gli alunni delle classi quarte: è iniziato tutto con l’invito personale all’Open Day di Novembre, in cui i piccoli sono stati invitati all’evento dai compagni più grandi, i quali hanno anticipato loro anche quelli che sarebbero stati i prossimi appuntamenti insieme.

Successivamente i cinquenni sono andati, come da tradizione, a vedere una delle aule della scuola primaria, per scoprirne i segreti ed esplorarne i materiali.

Gli alunni, grandi e piccoli, si sono poi ritrovati per ascoltare e vedere la messa in scena da parte degli alunni di quarta de “L’albero”, di Shel Silverstein, un libro capace di trasmettere in poche pagine un importante messaggio legato al rispetto della natura ed all’amicizia.

Successivamente i bambini si sono letteralmente “sporcati le mani”, piantando i bulbi dei tulipani che avrebbero visto fiorire e colorare il cortile in primavera.

Un libro parlante…per i “grandi” Colibrì! Quando la Continuità continua a distanza.

Purtroppo non è stato possibile veder crescere e sbocciare i fiori a causa del lockdown, ma i bambini di quarta non hanno dimenticato i loro amici del piano di sotto!

Sullo stimolo “La scuola primaria per me è…” hanno raffigurato con dei disegni le proprie emozioni e punti di vista rispetto alla scuola, corredandoli di didascalie, filastrocche e, qualcuno, componendo anche una canzone.

I lavori più suggestivi sono stati scelti dalle maestre, che hanno voluto coinvolgere ancora una volta gli alunni: questi ultimi si sono messi in gioco, realizzando dei video in cui hanno mostrato ai compagni della scuola dell’infanzia i propri disegni ed hanno letto i pensieri personali. I video sono poi stati raccolti in un unico libro virtuale, in cui ad ogni pagina i piccoli hanno trovato il viso di un compagno più grande.

Il volume si chiude con l’augurio per un buon inizio: ai Colibrì, dunque, non resta che scrivere da Settembre la prima pagina di quello che sarà un grande libro di avventura.

Le passioni di Svevo …

19 Novembre 2017

All’interno del percorso “Sulle passioni“, intrapreso quest’anno dalle classi terze, i ragazzi hanno potuto assistete ad un ciclo di lezioni del professor Giuseppe Caiazza, docente di letteratura italiana nel triennio del nostro liceo, su Italo Svevo e le sue passioni.

Le lezioni hanno intervallato alcuni momenti di discussione e confronto ad altri più interattivi con l’utilizzo di una nuova e divertente applicazione che ha dato la possibilità ai ragazzi di “entrare” nella mente e nei pensieri dello scrittore de “La coscienza di Zeno”.

Di seguito alcune immagini delle lezioni:


Progetto continuità: serata finale

2 Marzo 2016

All’interno della pedagogia dei Gesuiti, un ruolo fondamentale è svolto dal momento della rilettura. Fin dai tempi dell’insegnamento di S. Ignazio, una delle chiavi principali per la crescita e la formazione umana degli studenti è rappresentata dalla riflessione sull’esperienza, da quel momento breve ma quotidiano nel quale ciascuno si trova a rileggere la propria giornata, le proprie esperienze e il proprio agito, con l’intento di scoprire le piccole meraviglie che si nascondono nel libro della Vita e che rappresentano il tesoro che ognuno si costruisce e si porta dietro attraverso il cammino dell’esistere.

Nell’ottica, dunque, di formare persone complete e ricche di esperienze significative, al termine del progetto continuità tra la scuola Primaria e la scuola Secondaria di primo grado, è stata proposta una serata di presentazione e rilettura del percorso svolto, organizzata dai nostri studenti e dagli insegnanti che hanno accompagnato i ragazzi in questa avventura.

La serata si è svolta in un clima di grande partecipazione e condivisione tra studenti di età diversa, docenti e famiglie che hanno potuto gustare tutti insieme la bellezza del crescere come comunità, tra gioie, risate, stupore, curiosità e magari qualche piccola incomprensione, che hanno fatto di quest’esperienza un’altra pagina di quel “Libro della Vita” che San Francesco Saverio, uno dei primi Gesuiti, riteneva essere il libro più importante per far diventare ogni individuo, una persona pienamente realizzata.

Di seguito il video di alcuni momenti di quest’esperienza:

… e alcune immagini della serata:

Inizio della serata e presentazione della Preside:

IMG_1596

La serata ha inizio con una buona affluenza:

IMG_1595

La presentazione degli studenti:

IMG_1593

Interventi personali degli studenti:

IMG_1592

Conclusioni in… inglese:

IMG_1591

Torino Capitale Europea dello Sport: i Licei incontrano la Primaria

4 Giugno 2015

logo_torino2015_o_it

Nell’ambito delle iniziative promosse dall’Istituto Sociale dedicate alle tematiche sportive, giovedì 28 maggio i ragazzi dei licei hanno animato un pomeriggio di giochi nel parco dell’Istituto per le Classi quarte e quinte della Scuola Primaria.

Presentazione bambini

Argomento del pomeriggio e tema su cui si sono basate le attività sono stati i GIOCHI COOPERATIVI. “I giochi cooperativi, nei quali non esistono né vincitori né vinti ma dove ognuno esprime il meglio di sé per il solo piacere di giocare, concedendo libero sfogo alla propria fantasia e creatività.” E ancora “Il paradigma [di competizione e sopraffazione] deve essere rivisitato in un’ottica di avvicinamento, di accettazione, di condivisione con l’altro, anche se ciò non significa rifiutare la competizione con se stessi, lo spirito di emulazione, la spinta ad acquisire nuove competenze per arricchirsi e condividere.” Da Lezioni per stare bene insieme. Per la Scuola elementare, di Daniela Bello, Bo M. Elena, Maria Ferrando

Click sull'immagine per visualizzare tutta la presentazione

Click sull’immagine per scaricare tutta la presentazione

I ragazzi del triennio dei Licei Classico e Scientifico, dopo una giornata di formazione con le Dott.sse del Centro Libenter che hanno guidato le attività dell’ultimo Sabato del Sociale e che hanno collaborato all’organizzazione e alla realizzazione dell’evento, hanno preparato i giochi e i momenti di riflessione e condivisione proposti questo pomeriggio ai bambini della Primaria. In particolare sono stati trattati i seguenti temi, che riteniamo valori fondamentali che l’attività sportiva può veicolare: acquisire conoscenza di sé e dell’altro, instaurare rapporti di fiducia nel gruppo, favorire il superamento del pregiudizio, favorire la scoperta e la valorizzazione delle reciproche differenze.

“Continuiamo a crescere…” a Gressoney

9 Aprile 2015

IMG_9553Si è concluso venerdì 10 aprile il soggiorno a Villa Belvedere a Gressoney (AO) per i bambini di quinta della scuola Primaria e i ragazzi di prima della scuola Secondaria, accompagnati da alcuni insegnanti dei due plessi per il progetto continuità dal titolo “Continuiamo a…. crescere!”.

Come lo scorso anno, i più grandi hanno fatto da “tutor” ai compagni più giovani che si apprestano a concludere il loro percorso nella scuola primaria: la convivenza a Gressoney ha visto tutti impegnati in momenti di lavoro e riflessione sui temi dell’amicizia e della crescita, alternati a momenti di svago e di gioco, complice anche un po’ di neve che ha permesso epiche battaglie!

Le notti, in parte trascorse a chiacchierare, attenti a non farsi sentire dagli insegnanti che consumavano il corridoio nelle loro ronde notturne, i pasti in comune, le attività, i momenti di preghiera a fine giornata guidati dalla maestra Maria Chiara, hanno contribuito a creare un clima di svago e divertimento, ma nello stesso tempo sono stati occasione di confronto, di espressione di idee e sentimenti, che ci auguriamo possano consentire ai ragazzi di rafforzare i legami esistenti, di crearne di nuovi e di proseguire nel loro percorso di crescita. Auguri a tutti!

IMG_9598 IMG_9640 IMG_9651IMG-20150409-WA0004

20150408_133957_rid20150409_111551 20150408_133818 20150409_111512 20150409_111516

Filosofia… in terza media!

1 Febbraio 2014

filosofia e matematicaLa mattina di mercoledì 29 gennaio nella terza A della Secondaria di primo grado, nell’ambito del ciclo di lezioni in cui alcuni docenti del Liceo incontrano le terze medie per il progetto continuità, il prof. Maurini e la prof.ssa Montemurro si sono cimentati in una originale ora di  lezione dall’accattivante titolo “filosofia e matematica“.

In particolare, nel corso dell’intervento, sono stati affrontati i seguenti punti:

Pitagora (richiamo) – i matematici nella scuola pitagorica: la misurabilità di tutto ciò che ci circonda.

Socrate – il ruolo delle sue teorie nella storia della filosofia: rigore e coerenza del suo pensiero.

Platone – la Matematica nel mondo delle idee; i cinque solidi platonici.

In chiusura si sono tenute le riflessioni e domande dei ragazzi.

Nella prima lezione invece si è parlato di:

INTRODUZIONE ALLA FILOSOFIA – LEGAMI CON LA MATEMATICA E SUCCESSIVI SVILUPPI

-Il perché della filosofia: porsi delle domande è nella natura dell’uomo;

-Legami tra filosofia e matematica nell’antichità;

-Pitagora pensatore-matematico e il significato dei numeri nelle cose che ci circondano: tutto è calcolabile, con i numeri si può spiegare il principio di tutte le cose;

-Se tutto è misurabile si può trovare l’origine del mondo? Anche l’uomo è misurabile?

-L’importanza di porsi domande con spirito critico a prescindere dalle risposte;

-Percorso delle due discipline nel corso dei secoli;

-La filosofia a scuola: studiare il pensiero altrui per costruire il nostro pensiero;

-Riflessioni, domande, commenti.

309409-1391097748.378842309409-1391097754.859777

“Diamo i numeri e non solo” – diretta da Gressoney

2 Dicembre 2013

Per il terzo anno consecutivo l’Istituto Sociale di Torino e il Leone XIII di Milano hanno pensato e realizzato insieme un potenziamento di matematica per la valorizzazione delle eccellenze. Modalità ed obiettivi del progetto sono rimasti invariati rispetto prime due edizioni, confermando la validità della formula: attività in gruppi misti sia per plesso che per istituto di provenienza, seguite dalla condivisione e dalla discussione delle soluzioni. Dal Sociale ha partecipato un gruppo di una quindicina di studenti della Secondaria di primo grado e dei Licei, accompagnati e “animati”  con passione ed entusiasmo dai proff. Montemurro e Ghersi.

Il confronto ha reso possibile andare al di là della correttezza del risultato, sottolineando principalmente le strategie risolutive più interessanti ed efficaci. Inoltre, ai lavori matematici si sono affiancate attività socializzanti e di scoperta del territorio, quali la visita al Castello Savoia, una passeggiata nel centro storico di Gressoney Saint Jean, momenti ludici negli spazi offerti da Villa Belvedere.

Lasciamo raccontare l’esperienza dalle parole dei ragazzi, a cui in chiusura delle attività è stata chiesta una riflessione personale su quanto vissuto:

“L’esperienza di Gressoney mi ha aiutato ad aprirmi a nuove persone a ragionare su problemi diversi da quelli che si sffrontano a scuola e a discuterne in gruppo”

“Questi tre giorni sono stati un’occasione per socializzare con compagni nuovi ma anche per consolidare vecchie amicizie. E’ stato affascinante scoprire menti molto brillanti dietro ragazzi apparentemente timidi.”

“Ho provato una sensazione di felicità nel sentirmi libera e non dovermi nascondere per nessun motivo, mi sono fidata del mio istinto per arrivare alla soluzione dei giochi che ci sono stati proposti e spesso il mio istinto aveva ragione!”

“E’ stata una splendida avventura, in un clima sereno e amichevole. La città di Gressoney ci ha offerto un panorama spettacolare, il tutto reso ancor più suggestivo dalla neve…”

“La cosa più importante è stata scoprire altri modi di pensare capire che la mia idea non è sempre quella giusta, che bisogna ascoltare gli altri. Amo la matematica e in questi giorni è accrescituo il mio amore per essa”

“Ho conosciuto nuovi aspetti dei miei insegnanti, il loro lato umano, il fatto che nel loro essere organizzati e affiatati si sono dimostrati un grande aiuto per la vita…”

DIARIO FOTOGRAFICO

Mercoledì 4 dicembre 2013: l’ultimo giorno…

ultimo giorno

ultimo giorno_1     ultimo giorno_2

1460997_10202295823578975_1413253528_n  1471396_10202295831699178_464782674_n   1480671_10202295823258967_1858309736_n    1486801_10202305948672096_100075787_n

Martedì 3 dicembre 2013: secondo giorno. Dopo il risveglio ad alta quota sotto la neve, iniziano nuove attività matematiche!

giorno 2  giorno 2
giorno 2_9   castello savoia_1  castello savoia_2   castello savoia_3 castello savoia_4   giorno 2_2        giorno 2_4 giorno 2_5  994059_10202296727841581_641355667_n

E al pomeriggio la visita al Castello Savoia e ancora tanti interessanti problemi e giochi matematici!

giorno 2_6  castello savoia   1425667_10202296354512248_743889513_n

giorno 2_7    giorno 2_8

Lunedì 2 dicembre 2013: arrivati sotto la neve!

01_gressoney arrivo 03_sotto la neve arrivo

Primi momenti di attività: ragazzi divisi in gruppi misti per provenienza e per plesso, che cambieranno in ogni blocco di lavori…

image (2) image_1 (2) image_2 (2) image_3 image_4

Ed ora… momenti matematici!!!

image image_1 image_2

Ho trovato la stessa soluzione… ma in un altro modo!

trovato la stessa soluzione

PROBLEMA: Il Puzzle

Antonio e Marcello ritagliano due cartoncini quadrati di misure differenti per formare un puzzle. Decidono di tagliare i due quadrati in pezzi di forme uguali. Marcello ci è riuscito, Antonio no. Alla fine i pezzi ottenuti sono quelli della figura:

I pezzi ottenuti da Antonio e Marcello

I pezzi ottenuti da Antonio e Marcello

Quali erano le dimensioni dei quadrati originari? Le dimensioni dei quadrati originari sono multipli interi del cm.

Tutti i problemi proposti sul blog:  http://diamoinumeri2013.wordpress.com/

Bacheca Download